Consorzi di bonifica, domani presidio in Regione


Consorzi di bonifica

Domani, martedì 5 luglio, è stato proclamato uno sciopero di 8 ore dei lavoratori dei Consorzi di bonifica e presidio davanti alla sede della Regione. Fai-Cisl, Flai- Cgil e Filbi -Uil regionali hanno organizzato lo sciopero per cento dipendenti dei Consorzi davanti alla sede della Regione, a Pescara.

Le motivazioni della protesta sono contenute in una lettera inviata, nei giorni scorsi, al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso. “Dopo diciotto mesi di negoziati infruttuosi”, afferma Feliciantonio Maurizi, segretario regionale Fai-Cisl, “si è bruscamente interrotto il tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto nazionale per i Consorzi di bonifica: stop che ha costretto le organizzazioni sindacali a proclamare un pacchetto di scioperi prima a livello interregionale e, successivamente, nel caso perdurasse l’atteggiamento di totale chiusura dello Snebi (il sindacato che rappresenta i consorzi) a livello nazionale”.

La prima giornata di mobilitazione è prevista per domani, quando i lavoratori del settore incroceranno le braccia per otto ore ed effettueranno, dalle 10 alle 12,30, un presidio sindacale, di circa cento persone, davanti alla Presidenza della Regione, a Pescara. I sindacati hanno chiesto un incontro al presidente della Regione, D’Alfonso “per illustrare le motivazioni dell’interruzione dei negoziati e i disagi che i dipendenti dei Consorzi stanno vivendo a causa del mancato rinnovo del contratto” e chiedere “un intervento nei confronti dello Snebi, atto a rimuovere l’incomprensibile atteggiamento posto in essere sul tavolo contrattuale. L’incontro”, conclude Maurizi, “dovrà essere anche l’occasione per coinvolgere le Federazioni nel percorso che si sta avviando per la possibile istituzione di un Consorzio di secondo grado in Abruzzo”.