I 4 errori comuni degli imprenditori italiani


imprenditori-italiani-gli-errori

Sulla scorta dei racconti che ascolto dagli imprenditori, ho potuto classificarne alcuni che sono molto comuni.

Chi è il nemico numero uno degli imprenditori Italiani? No, non è la crisi, e nemmeno la “fantasiosa” tassazione che si regge su una matematica diversa da quella che conosciamo. Il principale nemico dell’imprenditore è se stesso. Certo questa affermazione può essere letta con duplice significato. Il primo è un’evidenza palese, ovvero chi fa impresa deve fare i conti tutti i giorni con le sue capacità ed in primis con la sua creatività, per poter rimanere competitivo. Sicché non è sbagliato dire che lui è anche il suo nemico perché deve superarsi di continuo. Ma tornando alla premessa, l’accento lo vorrei porre su alcune cose che vedo accadere spesso e che colpiscono soprattutto i neo imprenditori Italiano. Ho individuato almeno 4 errori di cui parleremo anche nei prossimi articoli. Errore n.1: Aprire un’attività sulla base di una passione. Siccome sono appassionato di cucina macrobiotica (ad esempio) e sull’argomento conosco tutto, apro un bel ristorante, magari nel negozio di famiglia, tanto anche se è un po’ decentrato io sono così bravo che verranno tanti clienti. Sbagliato. Aprire attività sulla scorta di una passione non è garanzia di successo. Anzi la propria passione offusca la propria capacità di poter valutare correttamente le giuste azioni da compiere per poter esser certi di riuscire nella propria impresa. Il fatto che una cosa piaccia a noi, non vuol dire che piaccia a tutti. Le domande da farsi prima di avventurarsi in un’impresa, sono: Esiste un mercato a cui interessa quello che voglio offrire? Come intercetto i miei potenziali clienti? Poi bisogna preparare un Business model ed un Business plan. Errore n.2: Visto che il mio negozietto va bene, ora è il momento di aprirne uno più grande o magari una sede distaccata. Errore n.3: Se nessuno ha pensato di aprire questo genere di attività qui, lo faccio io e sarò il primo. Errore n. 4: Siccome non trovo lavoro mi apro un negozio. Nei prossimi articoli svilupperò gli altri errori, ma se vuoi leggere subito tutto, vai sul blog del mio sito e leggi l’articolo completo. www.massimilianocilli.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *