In Abruzzo cresce il lavoro, 3.140 posti dalle imprese nel I trimestre 2016​​


Cresce il lavoro in Abruzzo

Cresce il lavoro in Abruzzo. Sarà l’effetto jobs act, legge di stabilità o chissà quale strana alchimia, fatto sta che secondo  il Cresa ( Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali ) per il primo trimestre 2016 le imprese abruzzesi prevedono 4.770 assunzioni programmate che, confrontate con le 4.140 uscite – determinate da scadenza di contratti, pensionamento e altri motivi – generano un saldo di 630  lavoratori in più.  È quanto emerge dalle elaborazioni che il Cresa ha svolto sulle rilevazioni del Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro. “Le previsioni di questo trimestre – afferma il Direttore del Cresa Francesco Prosperococco – segnalano una ripresa della domanda di lavoro da parte delle imprese abruzzesi. I lavoratori che entreranno in azienda saranno il 14% in più rispetto al I trimestre del 2015, risultato superiore a quello medio italiano (8,4%). Tutte le province beneficeranno di questa accresciuta domanda di lavoro fatta eccezione per quella dell’Aquila per la quale si prevede una differenza negativa tra entrate e uscite per un totale di 260 unità”.

Tra gennaio e marzo, le imprese abruzzesi offriranno un lavoro a oltre 3 mila persone, considerando le sole assunzioni di lavoratori dipendenti (con esclusione degli interinali)Rispetto allo stesso periodo del 2014, i lavoratori che entreranno in azienda saranno circa 500 in più. Quasi una assunzione su tre sarà rivolta a giovani con meno di 30 anni. Relativamente alle tipologie contrattuali, poco più della metà delle assunzioni previste (52%) sarà a tempo determinato (1.628, in aumento del 18% rispetto al I trimestre 2015). Una quota inferiore (39%) sarà a tempo indeterminato, mentre il 10% restante avrà altre modalità contrattuali, tra cui l’apprendistato. Le assunzioni a tempo indeterminato hanno il la percentuale più alta a Pescara (45% del totale provinciale) mentre quelle a tempo determinato a Teramo (63%). Relativamente ai settori di attività economica il 61% delle assunzioni in Abruzzo riguarderà le attività del settore terziario (commercio, turismo, ristorazione ed altri servizi), nell’ambito dei quali prevalgono le assunzioni nelle attività di servizi alle imprese e alle persone (quasi il 30%). Le attività del settore secondario assorbiranno il 19% delle assunzioni, una quota pari a quella delle costruzioni. Nel dettaglio provinciale le assunzioni nel secondario sono relativamente più numerose a Chieti e Teramo (un quarto del totale provinciale) mentre quelle nel terziario a Pescara (73%).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *