Massimo Oddo: ” Vorrei vedere lo stadio pieno”


Massimo Oddo, mentre dirige un allenamento

Archiviata la sconfitta immeritata di Cagliari, il Pescara si prepara al derby di sabato prossimo contro l’Ascoli Picchio di Denis Mangia.

Alla ripresa degli allenamenti infermeria affollata con i calciatori Torreira, Selasi e Caprari fermi per l’influenza; Zampano fermo a scopo precauzionale per una leggera contusione al ginocchio; Mandragora per una lieve distorsione alla caviglia; Crescenzi e Campagnaro proseguono con gli allenamenti differenziati a cui si aggiunge anche Fornasier il cui rientro è previsto per mercoledì.

Anche Lapadula ha anticipato il suo rientro negli spogliatoi a causa di una leggera lombalgia, mentre l’unica notizia lieta è rappresentata dal rientro di Coda nel gruppo.

Nella consueta conferenza stampa di inizio settimana il mister del Pescara, Massimo Oddo fa il punto della situazione: “Sinceramente, ho rivisto solo le azioni dei gol per vedere cosa abbiamo sbagliato – afferma Oddo – nel calcio ci sono tante componenti che entrano in gioco, il Cagliari è stato più concreto rispetto a noi e siamo stati puniti.  Abbiamo dominato l’incontro per un’ora, mentre il Cagliari ha avuto solo due occasioni una sul primo gol e l’altra sulla traversa di Melchiorri. Alcuni giocatori hanno sbagliato cose che normalmente non sbagliano. Spesso siamo arrivati davanti al portiere e abbiamo sbagliato l’ultimo controllo, ma se si arriva davanti al portiere vuol dire che abbiamo fatto bene.”

Oddo, continua ad analizzare il match di sabato scorso a Cagliari: “ In occasione del primo gol c’è stato un errore tattico, – dichiara Oddo – mentre sul secondo gol c’è stata una componente importante della fortuna.”

E, ora uno sguardo alle altre squadre: “Il fatto che non vincono tutte vuol dire che la serie B è molto equilibrata. Non dobbiamo vedere la classifica – dice Oddo – ma continuare a fare il nostro campionato. “

Durante la conferenza stampa il discorso scivola sull’arbitraggio di sabato scorso: “Sull’arbitraggio di Cagliari non voglio tornare, ci sono state occasioni a nostro favore e questa volta sono state contrarie. Io non mi attacco a queste cose ma, preferisco migliorare gli aspetti negativi che abbiamo noi. “

Il mister del Pescara, analizza la situazione degli infortunati: “ contro l’Ascoli tornerà a disposizione qualcuno come Coda, Crescenzi rientrerà o contro l’Ascoli o col Trapani; probabilmente rientrerà Fornasier mentre per Campagnaro non voglio mettergli fretta.”

Contro l’Ascoli, potremmo rivedere causa di forze maggiori Mandragora al centro della difesa: “Mandragora in difesa ha fatto molto bene, solo un piccolissimo errore sul gol; ero sicuro che avrebbe giocato bene, perché è un giocatore intelligente calcisticamente.”

Quando si parla del calendario Oddo, afferma: “non bisogna vederlo e soprattutto non bisogna vedere le altre squadre; dobbiamo arrivare alla partita contro il Crotone guadagnando due punti.  Abbiamo la nostra mentalità, quindi giocare in casa o fuori è la stessa cosa da un punto di vista del gioco.”

In questo momento particolare l’apporto del pubblico potrebbe risultare determinante: “sarebbe bello vedere lo stadio pieno ogni partita. I ragazzi lo sentono quando hanno l’appoggio del pubblico e prendono fiducia. C’è una cosa che mi preme sottolineare è che c’è molto ostilità sui difensori, ma non è così. Per me Zuparic è stato determinante, a parte un piccolo errore su Melchiorri. E, allora cosa dovrebbero dire su Kranjc e Salamon che ci hanno concesso otto palle gol? Io mi tengo stretto Zuparic e Mandragora”.

Intanto in vista della sfida con l’Ascoli, il Prefetto di Pescara, ha emanato il seguente comunicato in cui, si vieta la trasferta ai tifosi ascolani, questo è il testo ufficiale: “Si comunica che il Prefetto di Pescara dott. Francesco Provolo, in occasione dell’incontro di calcio valevole per il campionato di Serie B Delfino Pescara 1936 – Ascoli Picchio in programma il 27 febbraio prossimo allo stadio G. Cornacchia di Pescara, ha disposto il divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella regione Marche con contestuale sospensione del programma di fidelizzazione della società Ascoli Picchio F.C.. L’adozione del predetto provvedimento si è reso necessario per le rilevanti criticità sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica che la gara comporta data la segnata ostilità tra le tifoserie delle due compagini sportive.”

 

 

Pubblicato sotto: Sport