Teramo-L’Aquila, tensioni e petardi rinvenuti dalla polizia durante la partita


Ultrà

Liti sedate dalla polizia, ematomi riportati in volto da un tifoso teramano 13 petardi e 4 fumogeni rinvenuti nella curva dei tifosi: questo il bilancio del derby disputato ieri pomeriggio tra Teramo e L’Aquila presso lo stadio comunale “G. Bonolis” di Teramo. L’incontro, valevole per il Campionato Nazionale Lega Pro, Divisione unica, Girone B, a cui hanno assistito 1.800 tifosi circa, si preannunciava già a rischio di turbative considerate le irrequietezze e i disordini durante gli altri incontri del campionato attuale e precedente.

Un incontro ad alta tensione, tant’è vero che al termine dell’incontro di calcio, a seguito delle reciproche invettive tra le tifoserie delle due curve, i supporters aquilani si sono trattenuti nel parcheggio e, solo dopo ripetuti tentativi da parte delle Forze di Polizia di indurli a ripartire, hanno finalmente lasciato l’impianto sportivo dopo le 19, consentendo dunque il deflusso in tutta sicurezza degli spettatori teramani dai settori ad essi riservati.