Giulianova, una lite per mancata precedenza sfocia in omicidio


118-rianimazione

Un banale diverbio sfociato per futili motivi connessi alla segnaletica, come spesso accade sulle strade, è finito in tragedia a Giulianova. Nel pomeriggio di ieri, Paolo Cialini, 47 anni, residente a Giulianova, è stato ucciso da una coltellata al cuore.

Una dinamica purtroppo non nuova alle cronache. Erano circa le 15.30 quando Paolo Cialini stava guidando la sua Fiat Punto in compagnia della figlia di 7 anni. Secondo la ricostruzione della testimonianza di un passante, una mancata precedenza fa scaturire una discussione con l’antagonista alla guida di un furgone, Dante Di Silvestre, tecnico delle caldaie, 59enne originario di Bellante e residente a Mosciano. La vittima sembra che non abbia dato la precedenza al Fiorino e gli avrebbe tagliato la strada. Il diverbio è degenerato fino all’aggressione fisica nei confronti di Cialini. Alla discussione succede un inseguimento fino ad un incrocio che è poi sfociato in una fatale coltellata da parte di Di Silvestre, di fronte agli occhi atterriti della figlioletta di 7 anni. Vani i tentativi di rianimazione da parte dei sanitari del 118 giunti sul posto: l’arma avrebbe raggiunto il cuore stroncando la vita dell’uomo. L’aggressore è in stato di fermo per omicidio volontario.