Eremi Arte, percorso tra arte e spiritualità


Eremi Arte, presentazione

di ANDREA LA ROVERE

Eremi Arte è un percorso tra arte, natura e spiritualità che si articolerà tra il 30 luglio e il 2 ottobre. L’iniziativa nasce da un’idea del direttore Abaq Marco Brandizzi che, tra difficoltà organizzative e l’entusiasmo di curatori e artisti, è diventata realtà.

Si è svolta stamattina, presso il Palazzo della Provincia di Pescara, la conferenza stampa di presentazione di Eremi Arte, iniziativa nata da un’idea dell’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, in collaborazione con la Regione Abruzzo, la Fondazione Carispaq, il Parco Nazionale della Majella e una serie di comuni limitrofi facenti capo a Roccamorice, che ha visto oltre venti artisti provenienti da tutta l’Europa dare il proprio contributo. Eremi Arte, come ha spiegato Maurizio Coccia, uno dei curatori, è nato da un’idea, che poteva sembrare folle, del direttore Abaq Marco Brandizzi e che, tra mille difficoltà organizzative e l’entusiasmo di curatori e artisti, ha preso forma lentamente fino a concretizzarsi in un percorso tra arte, natura e spiritualità che si articolerà tra il 30 luglio e il 2 ottobre.

Percorso Eremi Arte
Percorso Eremi Arte

Ognuno degli artisti è stato invitato a creare un’opera originale presso uno degli eremi prescelti, ma il processo creativo è andato ben oltre la mera posa dell’opera presso gli stessi. Gli artisti sono stati infatti invitati, dove possibile, a stabilirsi per un periodo nelle vicinanze degli eremi, così da immergersi totalmente nell’atmosfera suggestiva di questi luoghi e creare un’opera che fosse un tutt’uno con la storia, l’ambiente e la spiritualità che ne scaturisce. Il direttore Brandizzi e i curatori Maurizio Coccia e Enzo De Leonibus hanno inoltre posto l’accento sull’importanza del momento creativo anche a livello formativo, con gli allievi dell’Accademia che hanno prestato la loro collaborazione agli artisti intervenuti, e sulla sinergia che si verrà a creare a livello turistico, con la riscoperta di luoghi come gli eremi, di importanza storica rilevante e veicoli di suggestioni particolari legati alla spiritualità e a una natura incontaminata e bellissima, ma spesso sconosciuta anche tra i nostri stessi corregionali.

Gli eremi coinvolti si trovano nei seguenti comuni: Balsorano, Campo di Giove, Caporciano, Caramanico, Lama dei Peligni, Morino, Palena, Palombaro, Pescocostanzo, Pretoro, Raiano, Rapino, Roccamorice, Serramonacesca, Sulmona e Villa Lago.

Alla conferenza stampa sono inoltre intervenuti il Presidente della Provincia Antonio Di Marco, il sindaco di Roccamorice e rappresentanti della Fondazione Carispaq, del Parco Nazionale della Majella e di Italia Nostra, a conferma del grande risalto di questa bella iniziativa.