Ancora sgomberi nell’area di risulta


Sgombero

Proseguono gli sgomberi nelle aree di risulta. Operazione congiunta di Polizia Municipale, Polfer e Attiva.

Ancora un’operazione interforze si è svolta per contrastare il degrado in centro a cui hanno preso parte il vice sindaco Enzo Del Vecchio, di concerto con i maggiori della Polizia Municipale Danilo Palestini e Matteo Silvestris e con il comandante della Polizia Ferroviaria Davide Zaccone e gli operatori di Attiva. L’operazione svoltasi principalmente nella zona delle aree di risulta e terminal bus ha portato all’identificazione di una decina di cittadini rumeni senza fissa dimora e senza precedenti, che si accampavano nelle aree interessate dai controlli e subito ripulite e bonificate.

Continua il presidio dell’Amministrazione e delle forze dell’ordine sulle aree di risulta: ulteriore operazione nel weekend da parte della Polizia Municipale, di concerto con Polfer e Attiva per liberare aiuole spartitraffico e aree verdi delle aree di risulta, nonché altri spazi posti dietro il terminal, dove erano abbandonati materassi, oggetti rifiuti, suppellettili e materiale per accamparsi, come già accaduto nei recenti sgomberi – illustra il vice sindaco e assessore alla Mobilità Enzo Del Vecchio Si tratta dell’ennesima operazione volta a restituire decoro ad una zona della città presa come riferimento da persone senza fissa dimora che d’estate cercano muna piazza logistica dove fare baswe. Sono una decina le persone identificate, si tratta di cittadini provenienti dall’Est europeo, non stanziali, che sono stati allontanati, com’è accaduto nei giorni scorsi.

Di nuovo rilevante la mole dei materiali raccolti da Attiva, che li ha stoccati come di consueto affinché non possano essere utilizzati per nuovi bivacchi notturni.

I controlli continueranno, stamattina si sono estesi a tutta la zona centrale, anche in altri luoghi del circondario che sono stati oggetto di segnalazioni anche da parte dei cittadini. Cerchiamo di dare una risposta operativa al problema degli accampamenti, a cui non manca anche la giusta attenzione sociale, grazie alla sinergia con la rete di associazioni che collaborano con il Comune e che ogni giorno si occupano di dare ascolto e, quando possibile e accettata, assistenza a persone senza fissa dimora”.