Bonifica del Tronto, fogli di via per rumeni sospettati di furto


Polizia, campagna sicurezza a Teramo

Proseguono i controlli a tappeto lungo la Bonifica del Tronto per arginare i fenomeni legati all’immigrazione clandestina e allo sfruttamento della prostituzione.

L’attività, fortemente voluta dal Questore De Simone, è stata diretta dal Vice Questore aggiunto Pitzalis ed ha visto impegnati 12 agenti della Polizia di Stato, in uniforme ed in borghese, dell’ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, della Squadra Mobile e della Stradale. Nell’occasione sono state fermate e controllate 8 prostitute di varie nazionalità e 2 transessuali brasiliani: questi ultimi sono stati accompagnati in Questura per accertamenti sulla posizione di soggiorno in Italia, poiché privi di documenti d’identità e da un sommario controllo sul posto risultanti già destinatari di provvedimenti di espulsione.

Alcune prostitute per evitare i controlli sono fuggite tra le varie aree cespugliose che contribuiscono a favorire l’attuale degrado della Bonifica del Tronto. Nel corso dell’attività di prevenzione è stata fermata, altresì, un’autovettura di lusso con a bordo 3 cittadini romeni: la perquisizione personale e del veicolo non ha consentito di rinvenire materiale d’interesse tuttavia, considerati i numerosi precedenti di polizia soprattutto per quanto concerne i reati contro il patrimonio e la provenienza da altra regione, poiché non hanno saputo motivare la presenza in questa’area provinciale, nei confronti dei suddetti è stato adottato il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nella provincia di Teramo.