Museo Genti d’Abruzzo ospita Artisti in Soccorso


Museo delle Genti d'Abruzzo

Da sabato 19 novembre a domenica 4 dicembre Artisti in Soccorso al Museo delle Genti d’Abruzzo.

Domani alle 18,30 presso la Sala Favetta del Museo delle Genti d’Abruzzo prenderà il via la mostra “Artisti in Soccorso”, promossa dalla Fondazione Genti d’Abruzzo. L’iniziativa raccoglie 35 interessanti opere di innumerevoli artisti di fama, quali Giovanni Anselmo, Nanni Balestrini, Matteo Basilè, Gianni Berengo Gardin, Domenico Bianchi e Alberto Biasi.

Altri artisti partecipanti sono Igor Borozan, Gianni Dessì, Pablo Echaurren, Marilù Eustachio, Antonio Freiles, Marco Gastini, Piero Gilardi, Giorgio Griffa, Franco Guerzoni, Elisabetta Gut, Mimmo Jodice, Sergio Lombardo, Luigi Mainolfi, Eliseo Mattacci, Marcello Morandini, Hidetoshi Nagasawa, Carlo Nangeroni, Giulio Paolini, Claudio Penna, Lamberto Pignotti, Fabrizio Plessi, Piero Pizzi Cannella, Concetto Pozzati, Pietro Ruffo, Alfredo Saino, Tino Stefanoni, Wainer Vaccari, Grazia Varisco e Nanda Vigo.

Roberto Rodriguez, curatore della mostra, spiega la peculiarità dell’evento: “L’obiettivo è quello di battere all’asta le opere, nella serata di chiusura domenica 4 dicembre, nel corso di un’iniziativa di beneficenza a favore delle popolazioni di Amatrice e Arquata del Tronto, colpite dal terremoto. Tanti artisti, diversi tra loro per provenienza, cultura e stile, si sono stretti nel nome di un’Arte che viene in soccorso, affinché un popolo straordinario che sta dimostrando al mondo una grande dignità possa incamminarsi verso la ricostruzione della sua preziosa terra. Questa iniziativa fa seguito alla sessione anticipata di asta che ha avuto luogo negli stessi locali domenica 23 ottobre”.

Da sabato 19 novembre fino a sabato 3 dicembre le opere saranno visitabili gratuitamente nella Sala Favetta del Museo delle Genti d’Abruzzo in via delle Caserme 54, con i seguenti orari: da giovedì a sabato 16:30-23, domenica 16:30-21.

Da lunedì 21 novembre, inoltre, le opere saranno consultabili anche sul sito del Museo, insieme al regolamento dell’asta e il modulo di iscrizione che renderà possibile anche la partecipazione telefonica.

Informazioni ai numeri: 085.4511562 – 347.6265113 – 335.8270447.