Pescara: procedure di rettifica Piano regolatore


prg pescara

“Piano regolatore generale, via libera alla revisione dello strumento urbanistico. Scadranno infatti il prossimo 28 febbraio i termini a disposizione di cittadini, società o interessati per presentare richieste di correzioni, di rettifiche o di adeguamenti del Piano sulla base di sentenze, provvedimenti, altre varianti urbanistiche o errori materiali. Una volta raccolte tutte le eventuali istanze, l’amministrazione comunale, tramite la propria struttura tecnica, passerà al vaglio ogni singola richiesta per valutarne l’accoglimento o meno, al fine di garantire la coerenza del Piano e il rispetto dei principi generali, oltre che delle normative. Un’occasione preziosa, dunque, offerta agli stakeholder del territorio per sanare anche delle incongruenze non volute, a vantaggio dei cittadini”. Lo ha ufficializzato l’assessore all’Urbanistica Isabella Del Trecco che ha indirizzato anche a tutti gli Ordini professionali di Architetti, Ingegneri e Geometri la relativa comunicazione e l’avviso pubblico.

“Negli ultimi anni – ha spiegato l’assessore Del Trecco – sono pervenute al Settore Pianificazione del Territorio e Demanio varie segnalazioni relative a criticità di rappresentazione cartografica della zonizzazione di PRG attinenti, in via generale, a errori materiali anche di trasposizione grafica o di campitura dei limiti di sottozona urbanistica. Segnalazioni che ci hanno convinto della necessità di effettuare una ricognizione della zonizzazione di PRG per l’aggiornamento derivante dall’esito di sentenze in materia urbanistica passate in giudicato, delle varianti urbanistiche approvate da altri Settori dell’Ente e quant’altro possa rilevarsi in termini di corretto adeguamento del contenuto degli elaborati grafici di PRG. Peraltro nei precedenti procedimenti di variante urbanistica, specie in fase di osservazioni al piano, e nella quotidiana attività istruttoria sono emerse delle incongruità in alcune aree del territorio amministrato, da ritenersi connesse anche all’evoluzione del tessuto economico, sociale e urbano del territorio stesso, è dunque fondamentale oggi procedere a una ricognizione della cartografia di PRG in ragione di possibili aggiornamenti cartografici derivanti da modifiche della Pianificazione sovraordinata, specie di rango regionale, potenzialmente incidenti sulla pianificazione comunale. Ovviamente tali incongruità rendono necessaria un’analisi accurata dello stato di fatto, da svolgersi tramite un’attività di monitoraggio e approfondimento tecnico-urbanistico, espletabile anche attraverso segnalazioni e istanze presentate dagli interessati aventi titolo.

Per questa ragione – ha proseguito l’assessore Del Trecco – è stato emanato un avviso pubblico con il quale chiediamo alla cittadinanza interessata di presentare istanze finalizzate alla rettifica del PRG per errori materiali e di pianificazione, promuovendo iniziative di partecipazione che concorrano a un efficace monitoraggio dello sviluppo urbano e per attivare procedimenti volti a incentivare interventi di rigenerazione urbana del territorio amministrato. Tali contributi saranno utili a meglio comprendere le emergenze territoriali e per la definizione di un congruo quadro esigenziale anche per meglio orientare le future scelte urbanistiche dell’Ente. E in tal senso è strategico il ruolo recitato dai tecnici professionisti, che sono la figura di riferimento tra amministrazione e cittadini i quali avranno dunque tempo sino al prossimo 28 febbraio per inviare le proprie istanze, e saranno valutate le sole istanze sottoscritte dalla totalità dei proprietari degli immobili oggetto d’istanza. Le richieste dovranno essere indirizzate al Comune di Pescara – Settore Programmazione del Territorio e Demanio – Servizio Pianificazione strategica e Partecipazione e dovranno essere trasmesse a mezzo p.e.c. all’indirizzo protocollo@pec.comune.pescara.it o consegnate a mano al protocollo dell’ente e redatte sull’apposito modulo scaricabile dall’apposita sezione in Home Page del sito istituzionale dell’Ente, www.comune.pescara.it. Al termine delle procedure l’Amministrazione si riserva di valutare ed eventualmente accogliere le istanze, nell’ambito di una o più varianti al PRG, sulla base dei tematismi segnalati, dei criteri di organicità della pianificazione e attuabilità degli interventi, al fine di garantire il perdurare dei principi di assetto del territorio, caratterizzanti il vigente PRG”.