Roseto: 3 progetti per provare ad accedere ai fondi del PNRR


comune di Roseto degli Abruzzi

Tre progetti per provare ad accedere ai fondi del PNRR utili per migliorare l’edilizia scolastica e i servizi legati all’istruzione. Sono quelli presentati nei giorni scorsi dall’Amministrazione Comunale di Roseto, su input dell’Assessore Francesco Luciani, per cercare di portare sul territorio una parte dei finanziamenti nel Bando “Scuola Futura” stanziati per la ripresa post pandemia.

 

Come sottolineato dall’Assessore Luciani l’essere riusciti, in così poco tempo, a predisporre le carte ed i documenti richiesti per la partecipazione al bando è già di per sé un successo visto che ha scoperto, non appena si è insediato, che l’Ente non godeva dei presupposti per poter accedere a questi finanziamenti. Nondimeno l’Amministrazione Nugnes, non volendo perdere questa opportunità, si è data subito da fare, attraverso l’assessorato competente, per sanare le carenze documentali ereditate.

 

Abbiamo accelerato il nostro lavoro, in vista della scadenza del Bando, per ottenere gli indici di vulnerabilità delle scuole, dati di cui il Comune era sorprendentemente sprovvisto – afferma l’AssessoreFrancesco Luciani – una volta individuati i tre edifici da candidare abbiamo richiesto e ottenuto gli indici necessari e presentato i tre progetti differenti grazie al supporto di una società di Milano altamente specializzata nel settore dell’edilizia scolastica. Mi preme sottolineare che, in base alla situazione che abbiamo trovato, non avremmo potuto neanche partecipare; quindi, grazie all’impegno di tutti, abbiamo già raggiunto un importante obiettivo, a prescindere da quello che sarà il risultato“.

 

Come detto, l’azione dell’assessorato si è incentrata su tre specifiche direttrici: una riguardante l’edilizia scolastica tout-court, con un progetto di realizzazione di un nuovo edificio che andrà a sostituire quello esistente per il plesso della “Fedele Romani” (progetto da quasi 10 milioni di euro); una riguardante un intervento per l’asilo nido “Mariele Ventre” (progetto da quasi 2 milioni di euro) e una perl’ampliamento della mensa scolastica per la scuola primaria e dell’Infanzia di Santa Petronilla (progetto da 385mila euro), scuola nella quale è in costante crescita la richiesta di tempo prolungato e quindi la necessità che sempre più alunni usufruiscano del servizio.

 

Indubbiamente il più interessante dei tre progetti è quello che riguarda la Scuola “Fedele Romani” che prevede un cospicuo finanziamento, di circa 10 milioni di euro, per l’abbattimento di un vecchio edificio e la realizzazione di una scuola di ultima generazione. “Premesso che speriamo di poter entrare in graduatoria in ognuno dei tre interventi presentati questo è indubbiamente il più interessante ed è il piano che ha le maggiori possibilità di andare in porto” spiegano il Sindaco di Roseto Mario Nugnes e l’Assessore Luciani. “Discorso diverso è quello riguardante le mense e gli asili nido dove il bando per il PNRR punta a favorire zone disagiate dove questi servizi non vi sono, a differenza del nostro territorio in cui è forte la presenza di asili nido e mense in rapporto alla popolazione di riferimento. Consci di questo, al momento, per il Comune di Roseto degli Abruzzi è comunque fondamentale aver presentato queste domande per entrare in graduatoria e poter così rientrare in futuri slittamenti o rifinanziamenti del bando“.