Gli studenti dell’Alberghiero di Maiori in alternanza scuola-lavoro all’Hotel 5 Miglia di Rivisoldoli


studenti alberghiero

Con il Concorso enogastronomico “La cucina di montagna ” s’è conclusa è all’Hotel 5 Miglia di Rivisondoli (L’Aquila) la seconda edizione della settimana di alternanza scuola-lavoro degli studenti dell’Istituto alberghiero “Pantaleone Comite” di Maiori (Salerno). Attività formativa fuori regione che la scuola superiore della Costiera amalfitana sceglie di fare da alcuni anni in Abruzzo grazie a una proficua collaborazione fra l’hotel-spa ai confini con Roccaraso e i professionisti del settore usciti dall’istituto maiorese.

Per una settimana l’hotel della famiglia Cipriani è stato letteralmente invaso da 62 allievi provetti cuochi, camerieri, pasticceri, barmen e barmaids che hanno servito e cucinato per gli ospiti della struttura alberghiera.

L’alternanza scuola-lavoro è un progetto ideato da professor Carlo Ferrigno, docente di Laboratorio di cucina, con la collaborazione dei colleghi Andrea Cataldo (chef), Luca D’Amato(Sala), Danila Flauti (Scienze motorie), Giuseppe Mancuso (Sostegno), Elena Petrone(Francese) e Antonio Romano (Diritto).

La programmazione del piano didattico-formativo s’è suddivisa in tre gruppi di studenti ai quali è stato demandato il compito di simulare l’attività quotidiana dell’albergo. In tal modo, le competenze pratico-operative assimilate a scuola nel corso dell’anno, hanno avuto un riflesso concreto nell’attività professionale. I tre gruppi, attraverso una turnazione che li ha impegnati per un’attività quotidiana di otto ore, sono stati impegnati nei laboratori di cucina e pasticceria, sala e bar. Attuando, in questo modo, le modalità di apprendimento in aula all’esperienza pratica in un luogo di lavoro.

A completamento del progetto, dunque, il Concorso enogastronomico, in cui gli studenti, provenienti da una zona di tradizione marinara, si sono cimentati con gli ingredienti tipici della tradizione abruzzese, utilizzando le sole risorse del territorio. Ha vinto il “dulcis in fundo”, il dessert “Pan soffice alle mandorle con croccanta al cioccolato”, che ha superato al fotofinish gli altri tre piatti proposti alla Giuria: l’antipasto “Tortino di patate con funghi porcini su vellutata di caciocavallo di mucca podolica e bacon croccante” , il primo “Involtino di pasta all’uovo al ragù di agnello”  e il secondo “Filetto di maialino nero Cbt in crosta di pane croccante con granella di pistacchio e castagne glassate e riduzione di Montepulciano”. Il tutto accompagnato da una pregiata selezione di vini abruzzesi (Cerasuolo, Montepulciano, Pecorino e, infine, un vino cotto di Montepulciano). Come aperitivo il provetto barman Alberto Borgese ha preparato un “Negroni sbagliato”, mentre, fuori concorso, Nicola Bonaventura e Agostino Savino hanno deliziato i giurati con un “Risotto flambè allo sfusato d’Amalfi”.

I partecipanti hanno fatto emergere la loro capacità creativa e le abilità tecniche, ottenendo un riscontro più che positivo da parte della Giuria del concorso, presieduta dallo chef Maurizio Agresta e composta da: monsignor Michele Fusco (Foto 5 e 6 con studenti), vescovo di Sulmona (L’Aquila), originario della Costiera amalfitana), Maurizio Iafrate, fiduciario dell’Associazione italiana sommelier (Ais); i proprietari dell’Hotel 5 Miglia, Ennio Francesco CiprianiMassimo Ferrajoli, ex docente d’Inglese dell’Alberghiero, in rappresentanza della nota famiglia di albergatori maioresi, e Pierluigi Spiezia, giornalista consigliere Sga/Fnsi nelCram, la consulta dell’emigrazione della Regione Abruzzo.

Video dell’evento: https://www.youtube.com/channel/UCmUlRXyGelL8GiXgydkF3xg