Cura del verde, Atri potenzia il suo organico per garantire la pulizia e le manutenzioni


atri gestione del verde

Il Comune di Atri ha rafforzato ulteriormente il proprio organico per garantire la pulizia del verde pubblico e le manutenzioni nel territorio comunale. Sono cinque i nuovi addetti assunti con lavoro interinale a tempo determinato, da aprile a settembre 2022. Il settore manutenzioni del Comune della città ducale nel 2021 era stato potenziato con tre nuovi operai assunti a tempo indeterminato. Con i nuovi addetti l’ente può beneficiare di una forza lavoro più adeguata alle esigenze per la cura, in particolare, del verde pubblico, della viabilità e delle manutenzioni in generale. I nuovi assunti seguiranno principalmente, da aprile a settembre, i lavori del Centro Storico e nei centri abitati di Atri. Per le frazioni, oltre alla manodopera interinale, per la primavera e l’estate, ci saranno delle ditte incaricate che si occuperanno della cura del verde, sia nei centri abitati che nelle aree rurali, provvedendo allo sfalcio dell’erba sulle strade e dove necessario. Inoltre il Sindaco Piergiorgio Ferretti, con apposita ordinanza n. 38 del 13/05/2020 ha disposto per tutti i proprietari, conduttori e detentori di aree agricole e aree verdi e per i responsabili di cantieri edili e stradali, di strutture turistiche, artigianali e commerciali prospicenti aree pubbliche di procedere al taglio dell’erba e della vegetazione in genere, con particolare riferimento ai cigli stradali, alla rimozione dello sfalcio nonché dei rifiuti al fine di evitare che, dalla loro mancata cura, esse divengano ricettacolo di animali e parassiti e rappresentino fonte di pericolo per la possibilità di attivazione e propagazione di incendi; alla regolazione delle siepi, al taglio di rami delle alberature e piante e alla rimozione dello sfalcio, nonché dei rifiuti, nelle aree private site nelle vicinanze di abitazioni, e in particolare nelle aree private prospicienti strade e aree pubbliche o di uso pubblico, a tutela della viabilità e della fruizione delle stesse; al taglio di radici e in genere di parti arboree che provocano danno alle aree pubbliche, alle sedi stradali e a luoghi sottoposti a pubblico passaggio; alla manutenzione dei muri esterni delle abitazioni e dei fabbricati in genere, anche relativamente all’estirpazione dell’erba muraria su di essi presente; all’escavazione, profilatura, ridimensionamento, spurgo e pulizia dei fossi e dei canali di scolo delle acque meteoriche, anche superficiali, così da favorire il regolare deflusso delle acque stesse e la loro immissione nei fossi o negli scarichi principali.

Nel caso di mancato rispetto dell’ordinanza si procederà, senza ulteriore avviso, all’esecuzione d’ufficio dei lavori e le relative spese saranno poste a carico degli inadempienti, salva comunque l’applicazione della sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 25 a 500 euro, come stabilito all’art. 7bis del T.U.E.L., secondo le modalità stabilite dalla legge n 689/1991.

“La cura del verde, pubblico e privato, è di fondamentale importanza per questa ragione abbiamo potenziato il nostro organico – dichiara il vicesindaco e Assessore alle Manutenzioni e ai Lavori Pubblici del Comune di Atri, Domenico Felicione – con il potenziamento dell’organico riusciremo a garantire un servizio più efficiente per far fronte alle tante esigenze del territorio in materia di verde pubblico e piccole manutenzioni. In queste settimane, in vista delle festività pasquali, abbiamo già provveduto alla pulizia di tutti i siti turistici: grotte, fontane archeologiche, l’antica filanda Fioranelli e a breve anche il teatro romano verrà sistemato”.