A Lancianofiera c’è AgroForum 5.0 per preparare la 61esima edizione della Fiera Nazionale dell’Agricoltura


donato di campli

Un’opportunità per ascoltare imprenditori agricoli, associazioni di produttori, aziende del settore, espositori e collaboratori e condividere, con i protagonisti della Fiera Nazionale dell’Agricoltura, novità e progetti, in vista della 61esima della storica rassegna in programma dal 14 al 16 aprile 2023. Si terrà domani, sabato 3 dicembre, a Lanciano, AgroForum 5.0 il nuovo format del Polo Fieristico d’Abruzzo (Lancianofiera, Padiglione 1, ore 18.30) che vedrà la presenza, fra gli altri di Luigi D’Eramo, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste.

“Questo forum, che rappresenta una novità assoluta per il Polo Fieristico d’Abruzzo – ha spiegato il presidente di Lancianofiera Donato Di Campli – sarà un’opportunità unica di dialogo e confronto con i protagonisti della Fiera Nazionale dell’Agricoltura. A contadini, piccoli produttori, imprese agricole, associazioni di categoria e consorzi del settore vitivinicolo ed agroalimentare illustreremo le novità che abbiamo in serbo per l’edizione 2023. Allo stesso tempo chiederemo, a chi rappresenta, per noi, il vero valore aggiunto di una rassegna che da sessant’anni fa parlare dell’Abruzzo, un contributo di idee per aiutarci a migliorarla. La trasformazione dei sistemi agroalimentari, i cambiamenti climatici che mettono a rischio le coltivazioni, le nuove tecnologie, il raggiungimento di obiettivi di sviluppo sostenibile, – ha detto ancora Di Campli – sono solo alcuni dei temi sul tavolo; per questo abbiamo scelto per AgroForum il suffisso 5.0 perché il nostro obiettivo è guardare lontano e consolidare interesse e attrattività dell’evento annuale più apprezzato e conosciuto del nostro Polo fieristico. Per farlo non possiamo che iniziare dal confronto e dalla condivisione”.

La Fiera nazionale dell’Agricoltura andrà, dunque, verso una specializzazione più marcata, dialogherà con le nuove professioni e coinvolgerà i giovani e le scuole, in particolare gli istituti agrari e tecnici e le Università. Gli espositori potranno contare su spazi più ampi e accoglienti con tre padiglioni coperti a disposizione. Ci sarà unanuova area servizi imprese agricole ed operatori per eventi, convegni, ristorazione, che ospiterà incontri be2be, workshop con le scuole e laboratori non solo di natura didattica ma anche con un taglio tecnico-pratico. L’intero Polo fieristico sarà connesso e coperto da wi-fi gratuito per tutti gli utenti, con una rete dedicata ed efficiente riservata agli espositori. Novità anche sul fronte “biglietteria”. Per garantire un risparmio di costi e nel consumo di carta, saranno aboliti i ticket in formato cartaceo e sarà semplicissimo anche per le persone “meno propense all’uso di sistemi tecnologici” acquistare il proprio biglietto d’ingresso. In tema di mobilità, saranno quattro i servizi bus navetta che permetteranno di raggiungere comodamente e senza problemi il Polo fieristico con collegamenti da parcheggi pubblici e privati, ma anche dalla stazione ferroviaria e da Lanciano centro.