Teramo, la cultura nei guai


Sergio Quirino Va­len­te - Presidente Braga

L’Istituto musicale Braga ha un nuovo presidente: si tratta dell’avvocato teramano Sergio Quirino Va­len­te (nella foto con il sindaco Brucchi), 61 anni, molto conosciuto per la sua attività professionale, ma anche per la passione per la vela. Una passione per la musica, la sua, che iniziata da giovanissimo, quando è stato lui stesso un allievo del Braga.

“Ho accettato questa sfida con il cuore”, è stata la sua prima dichiarazione. L’o­biettivo principale, spiega è trovare una sede e far riprendere le le­zioni regolarmente ai ra­gazzi che amano la musica.

Intanto il sindaco Bruc­chi lancia l’allarme: “Il Bra­ga è sempre più un ca­so e ora ri­schia di diventarlo anche la Riccitelli. La situazione del Braga è sempre più gra­ve e non so se, dopo tutto l’impegno che si sta pro­fon­dendo, ap­proderemo a qualche soluzione”.

Brucchi sottolinea le criticità dell’Istituto mu­sicale: non ha ancora una sede, le risorse sono poche, e la statizzazione non è ancora effettiva: “La Ricci­tel­li, vi­ve un momento al­trettanto critico. Infatti, do­po l’esclu­sione dalla programmazione nazionale sulla ripartizione delle ri­sorse per la Cultura, ora arriva anche l’ esclusione dal­la legge re­gionale. Il ri­schio è che sal­ti la stagione di prosa”, con­clude Brucchi.