Piano di riequilibrio del Comune: sì della Corte dei Corti


Corte dei conti Abruzzo

La Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per l’Abruzzo, ha esaminato e approvato il piano di riequilibrio finanziario pluriennale del Comune di Pescara.

Dopo quasi undici mesi dalla dichiarazione di predisse sto, avvenuta il 30 dicembre 2014, si conclude la fase più delicata riguardante il salvataggio del Comune di Pescara – così il sindaco Marco Alessandrini che ha anticipato la notizia sul suo profilo Facebook appena avuto il riscontro dalla Corte – Appena eletto ho preso atto delle disastrose condizioni economico-finanziaria in cui versava Pescara. Di fronte all’estratto conto della Tesoreria che mi consegnava una città in gravissima crisi, con uno scoperto di 28 milioni di euro, mi sono posto come primo obiettivo il risanamento delle finanze. La decisione della magistratura contabile è una risposta che ci rende soddisfatti e consapevoli della bontà del lavoro fatto finora, un traguardo reso possibile anche dall’impegno di tutta la macchina comunale che è stato intenso e tenace. Un ringraziamento va inoltre all’ex assessore al Bilancio Bruna Sammassimo, grazie alla quale il Piano è stato istruito. Il lavoro che ci aspetta ora sarà altrettanto importante, ma lo affrontiamo con la certezza di poter amministrare con maggiore tranquillità”.

Documento Corte dei conti
Documento Corte dei conti

La Corte dei Conti in adunanza pubblica ha discusso e deliberato il piano di riequilibrio pluriennale finanziario – sottolinea l’assessore alle Finanze Adelchi Sulpizio – Dopo la relazione da parte del giudice istruttore abbiamo provveduto a fornire tutti i chiarimenti richiesti sulle eccezioni formulate. Dopo la discussione e la Camera di Consiglio c’è stata l’approvazione: in pratica è stata validata da parte dei magistrati contabili la bontà del percorso di risanamento intrapreso da questa Amministrazione sin dall’insediamento. L’approvazione del Piano da parte della Corte svincola il fondo di rotazione consentendo, così, al Comune di ottenere dal Ministero dell’Interno la somma di 33.480.000 euro, ponendo fine in tal modo alla grave crisi finanziaria che è stata alla base del ricorso alla procedura di predissesto.

documento Corte dei Conti1
documento Corte dei Conti1

Si tratta di un risultato importante per l’Amministrazione, che non ha precedenti nella storia della amministrativa pescarese e di una buona notizia per le imprese e la cittadinanza. E’ nostra intenzione ora proseguire su questo percorso virtuoso atto al totale risanamento dei conti del Comune”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *