Torre de’ Passeri, torna il Piedibus


Piedibus

Torna a “camminare” con il suo carico di entusiasmo e buon umore il Piedibus, grazie ad un progetto dell’amministrazione comunale che per il secondo anno ha voluto favorire ed incoraggiare questo mezzo sicuro, ecologico, divertente e salutare per andare a scuola.
Riparte lunedì 4 aprile, con la sola corsa di “andata”, il progetto Piedibus, promosso ed organizzato dal Comune che consentirà ai bimbi dai 6 agli 11 anni di raggiungere l’edificio scolastico. Al progetto hanno aderito 37 bambini dalla Scuola Primaria di Torre de’ Passeri, che percorreranno uno dei due tragitti (linea rossa e Linea blu, con capolinea rispettivamente in via San Clemente (incrocio via Garibaldi) e in via Roma (dove saranno percorsi la nuova via della zona artigianale e il sottopasso di via Vignola), al mattino, intorno alle ore 8.00, per raggiungere la sede di Casa della Scuola in via Garibaldi.

“Il Piedibus funziona come un vero autobus, con un suo itinerario, degli orari e fermate stabilite e presta servizio tutti i giorni, secondo il calendario scolastico – hanno ricordato Manuela Di Cecco e Martina De Stefanis, delegate a seguire il progetto – Il Piedibus è sotto la responsabilità di due adulti uno “autista” ed uno “controllore” che cammineranno rispettivamente all’inizio e alla fine dell’autobus umano, costituito da un gruppo di bambini “passeggeri”, segnando i bambini presenti ad ogni viaggio. Siamo contente dell’entusiasmo con cui bambini, famiglie e scuola hanno nuovamente accolto la proposta dell’amministrazione – hanno aggiunto Di Cecco e De Stefanis –, sempre più bambini, molto volentieri sacrificano qualche minuto di sonno per poter correre alle fermate a raggiungere i loro compagni di viaggio, ed arrivare a scuola belli vispi e più allegri. Si tratta di un progetto che attraverso la pratica quotidiana avvicinerà i bimbi ad un corretto stile di vita, consentendo loro di socializzare ed imparare a circolare, con benefici per l’intera comunità, vista la diminuzione di traffico ed inquinamento”.

“Ringrazio i giovani studenti, le famiglie, i volontari e l’associazione Croce rossa che partecipano con entusiasmo al progetto, condividendo l’iniziativa con grande impegno e volontà, ed invito al tempo stesso sempre più genitori e cittadini ad aderire, non solo favorendo l’iscrizione dei propri figli ma anche dando la propria disponibilità a partecipare attivamente – ha concluso il primo cittadino Piero Di Giulio – . Sono convinto che il Piedibus possa dare benefici non solo in termini di salute, ma anche umani: una ricchezza che nasce dal contatto e dalla condivisione di momenti di vita e di emozioni con gli altri ed auspico un buon inizio a tutti i protagonisti”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *