Saline: Ruggero e Rossi: “Fiume e mare inquinati, Maragno si dimetta”


Sequestro della discarica di Villa Carmine

In merito al sequestro della discarica Villa Carmine di Montesilvano e dell’area marginale operata ieri dalla Guardia costiera di Pescara, i consiglieri del comune di Montesilvano Lino Ruggero e Paolo Rossi chiedono in una nota le dimissioni del sindaco Francesco Maragno:

“Il sindaco Maragno e l’assessore Vaccaro sono stati completamente smentiti sui dati di balneabilità del mare dalla Capitaneria di Porto – Guardia costiera di Pescara, che ha sequestrato la discarica di Villa Carmine a causa del rilascio di percolato, sostanze altamente inquinanti, nel fiume Saline. 21 mila metri quadrati di rifiuti nella discarica e una chiazza di circa 500 metri di percolato sull’argine del fiume, una massa di rifiuti enormi, che nei mesi scorsi hanno lanciato l’allarme salmonella e la conseguente ordinanza, atto dovuto da un sindaco, primo responsabile della salute pubblica dei cittadini. Nel verbale del Tribunale si evidenzia “una cattiva gestione della discarica, che di fatto ha provocato un grave degrado con conseguente danno dell’ambientale circostante”, fiume e mare.

Il fatto ancora più grave – proseguono i consiglieri- è che lo sversamento di percolato e di un tenore elevato di inquinanti organici e inorganici sulla sponda del fiume Saline sono confluiti nell’Adriatico così come abbiamo denunciato più volte. Un fatto gravissimo causato da una giunta di dilettanti che si vantava nelle scorse settimane di aver effettuato sopralluoghi senza alcun riscontro insieme alle forze di polizia ambientale e insieme ad associazioni ambientaliste. Altro che bandiera verde a Montesilvano quando fiume e mare sono fogne e a cielo aperto. Maragno, De Vincentiis, Orsini e Tocco si sono gloriati della loro azione tanto festeggiata. Fin da subito abbiamo espresso i nostri dubbi e i nostri timori, che infatti non erano infondati ma dettati dal buon senso e dalla segnalazione di molti cittadini, che abbiamo ascoltato in questi mesi.

Maragno, dopo questa ennesima figuraccia che getta fango sull’intera città, danneggiando ulteriormente la nostra immagine turistica, farebbe bene a firmare al più presto la lettera di dimissioni. E per fortuna che il sindaco aveva dichiarato qualche tempo fa che la qualità delle acque del fiume non era messa in discussione da Montesilvano, ma dai comuni dell’entroterra. Ora-conclude la nota- sarà la magistratura a fare luce su una vicenda, che purtroppo impedirà ai nostri turisti di trascorrere le vacanze a Montesilvano”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *