L’Aquila, personale in esubero alla Asl secondo Tordera


Ospedale San Salvatore

Capita nel territorio aquilano che anche un ente pubblico minacci esuberi. Capita e sta capitando alla Asl, l’azienda sanitaria locale Avezzano Sulmona L’Aquila.

La denuncia arriva dalla Cisl sanità che l’avrebbe ricevuta direttamente dai vertici dell’azienda. “Nell’incontro con il direttore generale della Asl Avezzano- Sulmona – L’Aquila, Rinaldo Tordera, che si è svolto il 20 aprile scorso, l’azienda sanitaria ha dichiarato un esubero di infermieri pari a 90 unità – dichiara Gianfranco Giorgi del sindacato –  Un dato che contrasta palesemente con le reali esigenze degli ospedali della nostra provincia e dei servizi territoriali”.

La riunione, inizialmente  convocata per un primo esame della situazione relativa alla sanità è stata poi l’occasione per comunicare una notizia che secondo il sindacalista  non avrebbe nessun aggancio con la realtà che si vive negli  ospedali della provincia. “Siamo rimasti sconcertati da quanto affermato da Tordera – spiega Giorgi – la Asl ha dichiarato, infatti, 90 esuberi relativi a personale infermieristico, in controtendenza con quanto denunciano da tempo le organizzazioni sindacali. In diversi dipartimenti, in particolare chirurgia, pediatria, ostetricia e diagnostica per immagini, si ha difficoltà a programmare i turni, le ferie e i riposi che spettano per legge. In molti servizi – prosegue Giorgi – i dipendenti vengono posti in reperibilità nei giorni di riposo. Tutto questo, a fronte di una pianta organica che non rispecchia le reali esigenze della sanità nella nostra provincia”.

Giorgi ha anche evidenziato la particolare situazione che vive l’ospedale San Salvatore dell’Aquila, dove si va avanti con personale a tempo determinato per tamponare le emergenze che, di volta in volta, si presentano. Un’analoga situazione si vive nella zona di Sulmona e Castel di Sangro. “Spesso – incalza il responsabile della Cisl sanità – è impossibile programmare le ferie, proprio per mancanza di personale. Anche il problema dei precari va affrontato e risolto”. La Cisl chiederà alla Asl la convocazione di un immediato tavolo di confronto per una verifica oggettiva delle carenze nei diversi presidi ospedalieri e nei servizi territoriali. Quanto affermato dal manager è assolutamente inaccettabile.