Il Festival della Partecipazione approda all’Aquila, dal 7 al 10 luglio


Festival della Partecipazione

Si svolgerà all’Aquila, dal 7 al 10 luglio prossimi, il Festival della Partecipazione. Una manifestazione che  intende offrire alla cittadinanza un’opportunità qualificata e riconosciuta per contribuire a definire le politiche pubbliche.

L’idea dell’evento nasce da Italia, Sveglia!, un patto stretto da tre organizzazioni civiche – ActionAid Italia, Cittadinanzattiva e Slow Food Italia – accomunate dalla volontà di contribuire, ognuna con le proprie specificità, al cambiamento del nostro Paese. La rinascita materiale della città non basta se, al tempo stesso, non si ricuce con cura e passione il suo tessuto sociale. Mentre a sette anni dal terremoto L’Aquila diventa il più grande cantiere d’Europa, è indispensabile che la comunità si riappropri dello spazio urbano e politico giocando un ruolo da protagonista e ridisegnando in prima persona il proprio futuro. Nasce da questi presupposti la volontà delle tre associazioni e del Comune dell’Aquila di ospitare un evento che serva a far riflettere e a coinvolgere i cittadini in scelte e momenti cruciali per il futuro.

Il programma del Festival si snoderà lungo alcuni percorsi tematici che permetteranno di vivere le diverse possibili declinazioni della partecipazione e dell’attivismo civico. Il percorso principale è denominato proprio “Partecipazione”, e attraversa in modo trasversale tutti gli appuntamenti del festival costituendo la trama in controluce dell’intero programma. Il secondo percorso, dedicato al “Cibo”, prevede laboratori esperienziali, dibattiti, incontri ed eventi di intrattenimento. Ci sarà inoltre la possibilità di approfondire temi al centro del progetto di ricostruzione quali “Città, territorio e ambiente”, e di conoscere le nuove proposte in materia di “Arte sociale, cultura, scuola ed educazione” anche attraverso esperienze di teatro partecipato. Si parlerà di “Welfare” ma anche di “Sport” e del rugby, uno dei simboli della città. È inoltre previsto l’arrivo, nei giorni del Festival, della lunga marcia per L’Aquila, il cammino dei cittadini che dopo il terremoto ogni anno raggiunge il capoluogo abruzzese.

“Quando una città è colpita al cuore, non sono solo le mura e gli edifici a soffrire, ma anche la rete di relazioni umane, sociali e politiche. La scelta di organizzare il Festival a L’Aquila, dove la comunità è tuttora dispersa e sta faticosamente cercando di ricostituirsi, ha un valore simbolico forte perché esclude ogni rappresentazione facile o accomodante dei fenomeni partecipativi e garantisce che il Festival della Partecipazione non sia un mero evento di comunicazione, ma uno strumento per contribuire a consolidare, con uno stile costruttivo e problematico, un’idea nuova di democrazia nel nostro Paese”, dichiara l’Alleanza “Italia, Sveglia!”.