Aspettando la Perdonanza Celestiniana, il 2 e 3 luglio si svolge la Fiera del Perdono


Chiesa Santa Maria de Centurelli

Torna la Fiera del Perdono, il 2 e 3 luglio prossimi in Santa Maria in Centurelli nel Comune di Caporciano (Aq).

Dopo alcuni decenni di oblìo, il Movimento Celestiniano dell’Aquila ripropone una tradizione medievale che si è svolta fino agli anni settanta del secolo scorso nel puro spirito di San Pietro Celestino V che, alla fine del XIII secolo, indisse le Fiere del Perdono dettando regole e norme per il loro svolgimento attraverso veri e propri Statuti, nominando magistrati affinché quelle regole venissero rispettate all’insegna della pace e della solidarietà. In attesa  della Perdonanza Celestiniana di fine agosto, sabato e domenica prossimi dalle 10,30 fino a tarda sera, la medievale Chiesa di Santa Maria in Centurelli, posta lungo il percorso del tratturo magno, farà da scenario a numerose iniziative che rievocheranno il tempo e l’atmosfera di un’epoca mitica e densa di suggestioni.

Il 2 luglio ci saranno tanti momenti di animazione, degustazioni di prodotti tipici a cura dell’Agape Fraterna del Movimento Celestiniano, animazione di artisti di strada dei “Giullari” di Davide Rossi, spettacoli musicali a cura di “I Ludica” e spettacoli di fuochi pirotecnici. Il giorno successivo, 3 luglio, si inizierà con il raduno di moto per il XII Memorial “Gianfranco” e naturalmente la Fiera vera e propria; alle 17 arriveranno dal Molise 150 cavalieri del tratturo per la solenne messa con la cerimonia di investitura  dei “Cavalieri di Celestino” e poi, per chiudere, ancora spettacoli musicali a cura di “Incursioni musicali” di pizzica e tarantella. Una due giorni di festa e divertimento in un posto ancora oggi magico, eletto a luogo di spiritualità celestiniana, per secoli punto di riferimento per le popolazioni che vivono in questo territorio che hanno sempre individuato in questo luogo di forte culto religioso il loro punto di aggregazione e di socializzazione. Torna con questo spirito la Fiera del Perdono che, in questa prima edizione dopo tanti anni di abbandono, vuole ripristinare una tradizione tanto bella quanto pregna di significato che d’ora in avanti si svolgerà ogni anno il primo fine settimana di luglio.