Balneabilità: oltre 170 milioni investiti


Ambiente - Il Sottosegretario Mazzocca

Balneabilità: sono oltre 170 i milioni investiti per l’adeguamento del sistema di depurazione e per la rinaturalizzazione dei fiumi.

Parte considerevole di questi fondi sono stati indirizzati al risanamento dell’Aterno-Pescara con interventi attualmente in corso lungo l’asta fluviale. L’impiego di queste risorse è costantemente monitorato dalla Giunta Regionale.  Lo rende noto il sottosegretario regionale con delega all’Ambiente Mario Mazzocca sottolineando l’importanza del turismo marino, rilevante tassello del quadro economico regionale, e comprendendo la preoccupazione della Cna sull’andamento della stagione balneare 2016.

Nel mese di maggio sono stati  pubblicati i dati relativi allo stato di avanzamento dei lavori per opera delle società acquedottistiche e ha preso vita la task force, costituita dal direttore del dipartimento Oo.Pp., da rappresentanti della Prefettura, delle forze dell’ordine e del Comune di Pescara in stretta collaborazione con gli enti preposti alla tutela ambientale, impegnata nello stanare ed eliminare gli scarichi abusivi di reflui non depurati.

“La comunicazione degli interventi effettuati e delle buone pratiche messe in atto – sottolinea Mazzocca – è stata costante e puntuale, sempre ancorata a dati di realtà e non c’è stato alcun ‘tran tran burocratico’ nell’affrontare un tema che rappresenta una delle priorità della Giunta Regionale nell’opera di risanamento ambientale. Inoltre, con il Masterplan, la Regione ha stanziato ben 15 milioni di euro per il taglio della diga foranea alla foce del fiume Pescara, che ne ha finora convogliato le acque sulla riviera nord. I lavori partiranno con l’approvazione del nuovo piano regolatore portuale”.

“Comunque – conclude Mazzocca – la Regione è sempre disponibile al confronto con gli operatori della balneazione, per individuare ulteriori azioni che possano contribuire a risolvere i problemi del settore”.