Uva viva uva, a Mosciano Sant’Angelo la sagra nel weekend


corsa-delle-botti

Aprono gli stand a Mosciano Sant’Angelo per la 59esima edizione di Uva viva uva, la sagra dell’uva che affonda le proprie radici nelle Maggiolate di inizio Novecento, organizzata dalla Pro loco Musiano.

Un contenitore ricco di proposte dal mondo contadino e dalla tradizione.

Oggi, sabato 17, a partire dalle 20, prima sfilata dei carri con le rappresentazioni del mondo contadino. Il tema, ovviamente, è quello della vendemmia, del vino, dell’uva. I protagonisti ripropongono le atmosfere delle antiche fattorie ricordando anche gli antichi mestieri (il cestaio, il ceramista, il fabbro, il falegname), o dando sfogo alla fantasia con libere interpretazioni. Otto i gruppi in gara che potranno essere ammirati a partire da via Gramsci e poi per tutto il centro storico. Le interpretazioni degli antichi mestieri saranno esposte in via Marconi a partire dalle 19.

Dopo la sfilata, il via alla manifestazione la Notte dell’uva bianca, in piazza Saliceti. In programma esibizioni di cori e gruppi folkloristici. Tra gli ospiti la Polifonica Morro d’arte e la corale Acquaviva. Gli spettacoli allestiti dalle contrade, con balli e musica, andranno avanti fino alle 3 di notte. Stand gastronomici e degustazioni di vini saranno disponibili (in piazza Saliceti, via Marconi e largo Savini – Belvedere) a partire dalle 19.

Tiro alla fune
Tiro alla fune

Domenica 18, alle 15 sfilata pomeridiana dei carri dell’uva, con partenza da via Milano. Alle 17 le contrade si sfideranno con le gare basate sui giochi popolari (corsa con la conca, con il sacco, con il carretto) e con un confronto particolarissimo: quello della pigiatura dell’uva in piazza con le “pistarole”. Alle 20,30, in piazza Saliceti, corsa con la botte. Alle 22 estrazione della lotteria e, a seguire, premiazione dei carri e dei mestieri. Gli stand enogastronomici (piazza Saliceti, via Marconi e largo Savini – Belvedere) saranno aperti alle 15.