Progetto Toto A25-A25: no del Consiglio regionale


Progetto Toto

Progetto Toto. Mazzocca: “Non convincono le proposte per A24-A25” .

Arriva il no nei confronti del progetto Toto da parte del Consiglio regionale che indirizza, invece, verso lavori necessari per la sicurezza stradale e di adeguamento antisismico.

Come nel documento finale approvato ieri dal Consiglio Regionale: “Le proposte avanzate da Strada dei Parchi s.p.a. alla Regione per la modifica del tracciato non appaiono né coerenti né convincenti e quindi non in grado di cogliere le finalità imposte dalla legge (comma 183 dell’articolo 1 della Legge 228/2012) –  un adeguamento sismico delle autostrade abruzzesi dunque non può passare per le varianti così proposte”.  Nell’atto, la prima firma è quella del sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale con delega all’Ambiente Mario Mazzocca, sostenuto dall’assessore Regionale alle Aree Interne, Andrea Gerosolimo.

Le varianti appaiono sovradimensionate e controproducenti sui due tratti della A24 e A25: 30 chilometri in meno di autostrada per 55 gallerie in più e un investimento di quasi 2.5 miliardi di euro; in cambio della riduzione del tracciato, la società ha chiesto una proroga di 45 anni della concessione delle autostrade abruzzesi. In breve, le varianti tagliano in modo più che marginale la lunghezza dei due tracciati autostradali e andrebbero a toccare diversi corpi idrici sotterranei importanti per la nostra Regione. Il progetto rischia di compromettere il cuore della Regione Verde d’Europa vocata a un turismo rispettoso dei valori paesaggistici, ambientali, culturali e alle produzioni agroalimentari di qualità.

Il progetto Toto non appare convincente neanche in merito alla sicurezza sismica in considerazione dell’alta sismicità del territorio: le varianti ricadono in zone con presenza di fenomeni di fagliazione; il nuovo tratto Cerchio-Vittorito (V06 – A25 Collarmele-Tocco) attraversa due sorgenti sismogeniche – faglie di Sulmona e della Media Valle Aterno – che hanno prodotto e possono ancora produrre importanti fenomeni di fagliazione superficiale, con conseguenti numerose e pericolose fratture.

La disanima del sottosegretario Mazzocca sulle varianti è stata una sorpresa per l’opposizione che ha chiesto alla maggioranza il ritiro dei pareri favorevoli espressi sul progetto dalla Regione. Inaspettata, a dir poco, è anche l’approvazione del documento che dà ragione al mondo ambientalista e a chi, sino ad ora, ha addotto validi argomenti per escludere questi interventi in variante per le autostrade abruzzesi.

Mazzocca sottolinea che la proposta avrà una reale incidenza sui siti della Rete Natura 2000 dell’Unione europea (Siti di interesse comunitario (Sic e Zps) Zone di Protezione Speciale), oltre che sulle aree protette nazionali e regionali (Pnalm e Prsg) e su alcune riserve naturali regionali.

“Quindi – continua il sottosegretario – la scelta della soluzione adottata in variante da Strada Parchi s.p.a. necessita senz’altro di un puntuale attento studio che consenta di adottare i necessari accorgimenti tecnico-scientifici per garantire la sicurezza sismica dell’infrastruttura. Non solo, le varianti proposte anche dal punto di vista del rapporto costi/benefici non convincono. I dati sui flussi del traffico sulle tratte abruzzesi del sistema autostradale non giustificano affatto il progetto in questione”.

L’alternativa è il nuovo tracciato ferroviario che velocizza la linea Roma-Pescara, puntando al completamento del raddoppio della linea Adriatica, all’elettrificazione della Sulmona-L’Aquila e della Avezzano-Roccasecca ed organizzazione delle strutture Rfi, cominciando dal trasporto regionale.

Il presidente Luciano D’Alfonso e la Giunta Regionale si impegnano a promuovere azioni affinché la Strada dei Parchi predisponga un Piano di interventi volti a garantire l’adeguamento anti-sismico dei viadotti con l’attuale tracciato. L’impegno non si esaurisce qui: l’Esecutivo Regionale vigilerà sul rispetto degli obblighi della società in termini di manutenzione, investimenti, miglioramento della sicurezza ed ampliamento dei servizi sul tracciato.

Importanti investimenti anche per lo sviluppo ed ammodernamento della linea ferroviaria Pescara–Sulmona–Roma, con l’obiettivo di portare sotto le 2 ore i tempi di percorrenza tra Roma e Pescara; per il consolidamento dell’aeroporto d’Abruzzo e per rendere competitivo il trasporto mare/ferro/gomma tra il porto di Ortona e quello di Civitavecchia.