Alessandrini: vi presento la nuova giunta


la-nuova-giunta-di-pescara

Il sindaco Marco Alessandrini sulla composizione della nuova Giunta. Alla conferenza odierna hanno preso parte gli assessori e i consiglieri di maggioranza.

“Avevo ufficializzato la questione giunta in Consiglio mercoledì scorso, con l’auspicio di chiuderla in tempi brevi – esordisce il sindaco Marco Alessandrini – a una settimana siamo arrivati ad una soluzione. Avevo posto che l’Amministrazione facesse un ulteriore passo avanti, dando come priorità la salvaguardia del necessario rilancio e lo sviluppo della città per l’avvio di una seconda e operativa fase del mandato. Colgo l’occasione per fare un ringraziamento a tutti per lavoro svolto fin qui con impegno e dedizione e anche a tutte le forze politiche della maggioranza: ci sono stati avvicendamenti nella coalizione che comunque resta tale ed è complessivamente di fondamentale presenza e sostegno per l’Amministrazione. Questo è e resta il palazzo della Politica e noi dobbiamo lavorare e continueremo a farlo per nutrirci del supporto di tutti.

Agli assessori Adelchi Sulpizio, Sandra Santavenere e Veronica Teodoro rinnovo il mio grato e sentito ringraziamento.

Auguro un buon lavoro a Stefano Civitarese Matteucci, ordinario Diritto Amministrativo, Loredana Scotolati, dirigente di lungo corso della pubblica amministrazione e ad Antonella Allegrino, profili riconoscibili per significatività e competenza, ai quali chiediamo un contributo per la fase due di cui la comunità territoriale ha bisogno.

La nuova Giunta
La nuova Giunta

Non c’è responsabilità individuale sui cambiamenti, ma esigenze condivise con i vertici politici e amministrativi della coalizione, perché bisogna andare avanti e dopo aver sanato i conti pensare al rilancio della città. L’attuale composizione è infatti l’esito di un largo giro di consultazioni che ho tenuto in questi giorni. Nelle prossime ore procederemo al conferimento delle deleghe: è ovvio che Civitarese e Scotolati si occuperanno della programmazione e gestione del territorio nell’ottica di una virtuosa collaborazione con il resto dell’esecutivo e che la Allegrino si occuperà di welfare e politiche sociali, perché sono temi vicini ai rispettivi mondi di appartenenza. Per il resto ci saranno sia conferme che messe a punto per le esperienze maturate in questi anni.

Al termine di questa presentazione si terrà la prima giunta, che sarà deliberativa anche senza l’assegnazione delle deleghe. Perché poi l’azione sia più capillare ed efficace, avremo cura di coinvolgere anche i consiglieri di maggioranza attraverso l’istituto della delega per temi: abbiamo già raccolto le disponibilità di alcuni su argomenti particolari. Ecco alcune delle  priorità: c’è una lunga serie di trasformazioni urbane di cui necessita Pescara: dall’area di risulta che deve arrivare alla sua riqualificazione e siamo quasi alla predisposizione di un bando; altro tema è come rilanciare anche l’ex Fea, da parcheggio a luogo strategico della città a cui guardano con interesse soggetti e istituzioni bancarie per fare un intervento importante nell’ambito culturale e che richiede la predisposizione di idonei strumenti urbanistici; le norme tecniche di attuazione.  C’è la questione della qualità del fiume e mare col tema del depuratore con tutta una serie di iniziative e interventi connessi al suo funzionamento: dalla separazione della rete delle acque bianche e nere, alla predisposizione di vasche di accumulo al fine di evitare che ogni volta che piove si debbano emettere divieti di balneazione.

Inoltre, stiamo rendendo più efficiente la macchina comunale, rinnovando una categoria ampia di argomenti che va dagli asili alla nettezza urbana. Così per il servizio di refezione scolastica abbiamo accorpato sei appalti in uno, con l’effetto di dare dei pasti che costano meno e sono di qualità migliore perché il cibo è a km zero. Vogliamo proseguire con l’innovazione, rivoluzionando l’illuminazione esterna della città e anche interna agli edifici pubblici, con un sistema virtuoso che permette sostenibilità e risparmio, siamo partiti dalle scuole. Dobbiamo continuare il lavoro che ci impone il piano di riequilibrio e ridurre i costi pensando anche a forme di esternalizzazione dei musei, penso ad esempio al Vittoria Colonna che è struttura museale di primaria rilevanza data la sua centralità e pregio architettonico.

Questi punti sono solo parte del programma che guarda all’Europa, alla cultura come economia della conoscenza, al sociale e all’ambiente, con cui oggi ci presentiamo, chiedendo coraggio, rapidità, sostenibilità e innovazione, perché la nostra comunità territoriale richiede questa forma di impegno da parte di tutti e perché tutti dobbiamo pensare al bene comune più grande, Pescara”.

“Confermo il mio impegno per la pubblica amministrazione – così il neo assessore Antonella Allegrino – Mettere insieme gli aspetti del vivere comune verso un’unica direzione, questo cercherò di fare per portare dentro la pubblica amministrazione  tutta quella che è la realtà quotidiana. Per fare questo occorre organizzazione, una grande squadra, conoscere i problemi e le situazioni, condividere obiettivi e dedicarsi al lavoro con il cuore”.

“E’ una chiamata a cui ho risposto perché condivido gli obiettivi che ci dobbiamo dare e che sono già in movimento – così il neo assessoreStefano Civitarese Matteucci – E’ necessario portare a termine delle azioni per la città, mi metterò subito al lavoro studiando le carte. Di certo per uno studioso delle istituzioni, quella di stare nelle istituzioni è una sfida importante. Darò il mio contributo, consapevole delle difficoltà e lavorando per la città”.

“Quando il sindaco Alessandrini mi ha chiamata – così anche l’assessore Loredana Scotolati – Mi sono sentita subito coinvolta e ho risposto perché da cittadina ho voluto questa amministrazione e credo che se un sindaco chiama per lavorare a vantaggio di Pescara e del rilancio della città, sia necessario mettersi a disposizione”.