Due falsi dentisti e uno studio odontoiatrico in bagno, operazione dei Nas


Nas

Triplice operazione dei Nas: scoperti e denunciati due falsi dentisti a Pescara e uno studio odontoiatrico abusivo realizzato in una toilette.

Oggigiorno non è un fatto episodico che affidiamo la cura della nostra bocca a mani non professionali, persino incompetenti, con il rischio di compromettere gravemente la nostra salute. Sono due gli ultimi casi del genere scoperti dai Nas a Pescara: due odontotecnici eseguivano pratiche ortodontiche su pazienti ignari, senza un titolo accademico idoneo e in ambienti privi dei requisiti igienico- sanitari e strutturali obbligatori. I due falsi dentisti sono stati denunciati per esercizio abusivo della professione odontoiatrica, mentre sia l’ambulatorio sia le attrezzature non conformi utilizzate per le operazioni sono state sequestrate. Le indagini sono state svolte dai militari del Nas di Pescara, coordinati dal maggiore Domenico Candelli, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Penne. Il decreto di perquisizione è stato emesso dal pm Andrea Papalia, della Procura della Repubblica di Pescara.

Anche ad Alba Adriatica si è verificato un caso analogo: all’interno di un immobile è stato scoperto un ambulatorio dentistico abusivo. Basti pensare che il compressore dell’aria era installato in bagno. L’immobile è stato sottoposto a sequestro preventivo e il proprietario, l’odontoiatra che operava nello studio, è stato denunciato alla Procura della Repubblica. Le indagini sono state coordinate dal pm della Procura di Teramo Andrea De Feis.