Pescara sconfitto a Udine


massimo-oddo-tecnico-del-pescara

Pranzo amaro per il Pescara. Con la doppietta del francese Thereau e il gol di Zapata regalano i tre punti all’Udinese che nell’anticipo della nona giornata piega per 3-1 il Pescara.

Mister Del Neri, nel match contro il Pescara deve rinunciare a diverse pedine:  Armero e Kone infortunati; l’Udinese si presenta con un 4 -3-3 con Karnezis in porta, difesa a quattro con Widimer e Da Silva esterni difensivi mentre Danilo e Felipe sono i centrali. La linea di centrocampo è composta da Kums in mediana, Fofana e Jankto esterni di centrocampo. La linea offensiva è formata dal trio De Paul, Zapata e Thereau.  Nel Pescara Oddo, è costretto a rinunciare a diverse pedine importanti Coda è squalificato mentre Manay, Muric, Verre, Gyomber e Bahebeck sono tutti infortunati. Rientra Zampano dalla squalifica. Il Pescara si schiera con il solito 4-3-2-1 con Bizzarri tra i pali, difesa a quattro composta da Zampano e Biraghi terzini, la linea centrale è affidata a Campagnaro e Fornasier. A centrocampo Brugman funge da mediano, con Cristante e Aquilani esterni, mentre Memushaj e Benalì sono di supporto all’unica punta Caprari. Parte subito bene il Pescara: Memushaj trova un arco sulla sinistra e si presenta in area al tiro da posizione defilata. La palla esce sul secondo palo dopo aver attraversato l’area piccola. Risposta quasi immediata dell’Udinese con Thereau. Il francese lanciato in profondità controlla e calcia di sinistro ma la mira non è delle migliori, palla fuori.

L’Udinese prende in mano il controllo della partita e inizia a spingere. All’8′ minuto Zapata riceve palla in area di rigore, prova a girarsi ma trova l’aggancio di Campagnaro e finisce giù. Rigore ineccepibile. Rocchi indica subito il dischetto. Teherau si incarica della battuta e sorprende Bizzarri con un lob centrale. Quasi un cucchiaio.  Al 22′ De Paul cerca lo spunto davanti all’area, Caprari lo atterra. E’ lo stesso argentino a battere la punizione concessa da Rocchi, palla in mezzo per Felipe che di testa manda fuori, ma era in posizione di fuorigioco. Il Pescara prova ad alzare il ritmo e al 26′ va vicino al gol. Azione prolungata sulla destra. In mezzo all’area arriva un pallone sporco di Aquilani su cui Caprari si avventa in semi-rovesciata, palla sulla traversa, pericolo scampato. Il Pescara inizia a prendere coraggio e mette in mostra tutte le sue caratteristiche di squadra ben organizzata che non molla mai. Al 34′ Zampano affonda sull’out di destro e costringe Theraeu al fallo. Cartellino giallo per l’attaccante. Biraghi calcia malissimo la punizione. Due minuti dopo è Benali a cercare fortuna dalla distanza con un tiro di sinistro che finisce fuori sotto lo sguardo attento di Karnezis.

L’Udinese controlla la pressione del Pescara, non riesce però a proporsi con efficacia in ripartenza. Al 42′ è un errore della difesa abruzzese a innescare Zapata. Il colombiano conquista palla su un retropassaggio e si inserisce in area e poi lascia partire un destro incrociato che si spegne alla destra di Bizzarri. Dopo due minuti di recupero, le squadre vanno negli spogliatoi sul punteggio di 1-0 per l’Udinese. Il primo tempo si conclude con l’Udinese in vantaggio per 1-0. Nella ripresa non ci sono sostituzioni. Il Pescara parte bene. Al 50′ Memushaj ci prova dalla distanza ma il tiro è debole. Al 57′ Delneri effettua il primo cambio: dentro Badu e fuori De Paul. Subito Dopo Jankto penetra in area dalla sinistra e calcia verso Bizzarri, palla fuori sul secondo palo.  Al 57’ iniziano le sostituzioni per l’Udinese. Il primo ad entrare è il ghanese Badu al posto di De Paul. Al 63′ arriva anche il momento di Hallfredsson, a fargli posto è Jankto. Cambia anche Oddo: dentro l’ex Pepe per Memushaj. Con questa mossa Delneri dà più muscoli al centrocampo. L’Udinese continua a lasciare l’iniziativa al Pescara ma non corre pericoli.

Al 71′ l’Udinese raddoppia ed è ancora Thereau a far gioire la Dacia Arena. Azione avviata da Samir, Thereau riceve sulla trequarti e smista il pallone per l’accorrente Badu, tiro violento del ghanese che costringe Bizzarri alla respinta con i pugni. Il pallone termina nella zona di Thereau che non sbaglia. 2-0.

L’Udinese festeggia e si distrae: al 74′, infatti, Aquilani approfitta di un pallone vagante e scarica di destro alle spalle di Karnezis. C’è ancora da soffrire. Al 79′ entra anche Heurtaux al posto di Samir. L’Udinese stringe i denti. Buono l’impatto di Badu e Hallfredsson.  In pieno recupero, sugli sviluppi di una ripartenza, Zapata conquista il secondo rigore della giornata per fallo di Crescenzi. È lo stesso colombiano che si incarica della battuta e chiude i conti di potenza dagli undici metri che fissa sul 3-1. Ora non c’è neanche il tempo per pensare, mercoledì all’adriatico arriva l’Atalanta di Gasperini.

91’ i commenti del dopo partita

Non è preoccupato Massimo Oddo, al termine della partita contro l’Udinese che ha sconfitto il Pescara per 3-1, nel corso della conferenza stampa del post gara il tecnico del Pescara, ha dichiarato: «L’Udinese ha giocatori importanti in grado si sbloccare le partite nei momenti peggiori. Ha giocato una buona partita dal punto di vista dell’organizzazione, ma dal punto di vista della propositività abbiamo fatto meglio noi. Chi vince però ha sempre ragione, abbiamo perso perché sbagliamo delle cose che dobbiamo migliorare. Dei complimenti non me ne faccio nulla, però sono consapevole che l’unica via per raggiungere la salvezza è il gioco. Noi non possiamo fare a sportellate per 90 minuti come l’Udinese. Non posso dire alla mia squadra “giochiamo male così vinciamo”, se giochiamo bene abbiamo più probabilità di vincere, è un gioco che non voglio sia fine a se stesso e purtroppo abbiamo ottenuto poco fino a ora. Io sono arrabbiato per i nostri errori perché non subiamo grandi giocate, spesso i gol ce li facciamo da soli, come oggi. L’Udinese è stato più solido, cinico e fisico, brava a trovare tre gol su tre nostri errori. Io sarei più preoccupato se la squadra fosse spenta e se non provassimo mai a fare la partita, questo sarebbe grave. Io sono fiducioso verso questa squadra perché abbiamo tutto per fare bene. Dobbiamo aggiungere il cinismo e il recupero degli infortunati. In questo momento ho poche alternative, posso fare quasi sempre gli stessi cambi. Oggi ne avevamo solo sei in panchina. È dura dare una svolta a partite già avviate».

Soddisfatto il tecnico dei friulani Del Neri, che conquista una preziosa vittoria : «Abbiamo fatto tre gol, non abbiamo concesso grandi soluzioni di gioco al Pescara, una squadra che ha creato sempre grandi difficoltà nelle precedenti partite. L’Udinese ha fatto una partita attenta e accorta. Noi dobbiamo migliorare nel palleggio. La forza fisica, la qualità degli attaccanti e dei centrocampisti, fanno sì che la squadra possa avere un futuro brillante. Questa squadra non sente più pressioni, la vittoria di oggi è corroborante. I ragazzi sono stati criticati molto, ma i tre punti di oggi sono importanti perché ci danno certezze, di squadra e di singoli. Questa squadra ha margini di miglioramento molto alti. Abbiamo concesso anche, soprattutto nel secondo tempo. Il Pescara gioca bene, ha palleggio, concede ma crea tanti problemi alle difese e non è facile schermare sempre gli esterni, abbiamo perso anche tanti palloni in uscita. Quella contro il Pescara era la partita più difficile».

UDINESE (4-3-3) Karnesis, Samir,( dal 79’st Heurtaux) Danilo, Fofana, Zapata, De Paul, (dal 57’st Badu) Jankto, (dal 63’st Hallfredsson) Kums, Widmer, Da Silva, Thereau A disp: Scuffet, Persian, Wague, Angella, Badu, Perica, Matos, Hallfredsson, Al Tameemi, Heurtaux, Santana, Balic. All. Del Neri

PESCARA (4-3-2-1) Bizzarri, Biraghi, Cristante, (dal 74’st Crescenzi) Memushaj, (dal 64’st Pepe) Benalì, (dal 74’st Mitrita) Zampano, Campagnaro, Brugman, Caprari, Aquilani, Fornasier. A disp: Fiorillo, Crescenzi, Bruno, Zuparic, Pepe, Pettinari, Mitrita. All. Oddo

ARBITRO: Rocchi di Firenze

ASSISTENTI: Meli e Cangiano

ADDIZIONALI: Mariani e Marini

IV UOMO: Valeriani

RETI: 9’ Thereau (su rig.); 71’ st Thereau, 74’st Aquilani, 93’ Zapata su rig.

AMMONIZIONI: Thereau (U) Campagnaro (P) Karnesis ( U)

ANGOLI: 6 Udinese, 3 Pescara

RECUPERO: 1’ pt, 4’ st,

 

 

 

 

 

Pubblicato sotto: Sport