Comune e università verso il protocollo d’Intesa


Comune e Università verso Protocollo d'Intesa

Comune di Pescara e università d’Annunzio volano verso il protocollo d’intesa.

Il sindaco Marco Alessandrini, l’assessore al Governo del Territorio e Politiche Urbane Stefano Civitarese Matteucci e il Magnifico Rettore dell’Università d’Annunzio di Chieti e Pescara Carmine Di Ilio hanno gettato le le basi di un Protocollo d’Intesa allo scopo di consolidare i rapporti d’interazione reciproca e di collaborazione sulle questioni riguardanti l’area Chieti-Pescara assicurando le modalità di intervento più efficaci. Si tratta di una collaborazione sostanziale fra Comune e Università che renderà la nostra città polo di cultura, conoscenza, formazione e accoglienza per gli studenti e le giovani generazioni.

Così il sindaco Marco Alessandrini sull’esito del primo incontro: “E’ stato molto proficuo e porterà alla firma di un Protocollo fra Comune e Università. Un’intesa di cui sono particolarmente orgoglioso. Ringrazio l’assessore Civitarese Matteucci che sarà il braccio operativo dell’Amministrazione su questo fronte e l’Ateneo, che ha creduto in questa collaborazione ed è pronto a diventare parte operativa su idee e progetti strategici per la città che potranno nascere da questo sodalizio”.

L’intesa, di fatto, avvia una collaborazione che facilita la costruzione del sistema “Pescara Città della Cultura e della Conoscenza”, finalizzato alla realizzazione di concrete sinergie con l’Ateneo per tradurre la dimensione della ricerca in opportunità di sviluppo attraverso l’ intero territorio comunale; per condividere strategie e individuare azioni concrete per favorire e facilitare i processi di occupazione delle risorse umane, ritenute fattori principali sui quali investire per la crescita della città e dell’intero territorio, attraendo e trattenendo le risorse migliori, anche mediante concrete politiche in materia di residenzialità; per sviluppare le necessarie sinergie al fine di armonizzare le richieste provenienti dal mondo del lavoro con le attività di formazione e ricerca, anche per meglio coniugare, il “ sapere” con il “saper fare”; per collaborare con le associazioni di categoria e promuovere il ruolo della Pubblica Amministrazione nell’offerta di servizi ai cittadini e alle imprese, basati sull’innovazione di tecnologie, processi e prestazioni; e, infine, per promuovere la divulgazione scientifica, mediante concrete iniziative volte sia alla diffusione della cultura scientifica nel favorire una cittadinanza maggiormente consapevole, sia alla promozione di una migliore conoscenza da parte del territorio delle numerose e prestigiose realtà di ricerca e del loro operato.

Previsto un nuovo incontro per arrivare, a stretto giro, alla firma d’intesa con la quale verrà avviato anche il progetto relativo al nuovo Campus di Pescara e alla definizione di un programma di riqualificazione che interesserà l’area comprensorio, oggetto dell’accordo di programma fra polo universitario e giudiziario, e le aree vicine a importanti spazi e infrastrutture pubblici, come lo stadio Adriatico, la Pineta Dannunziana e il Parco ex Caserma Cocco. Accanto al Palazzo di Giustizia, infine, sorgerà la nuova biblioteca secondo un progetto dell’Ateneo da 13 milioni di euro, già in fase esecutiva e in attesa della gara per l’affidamento della realizzazione. Il Comune di Pescara cederà una strada che ne diventerà parte integrante e che l’Ateneo riqualificherà anche in modo sostenibile.