La Juve strapazza il Pescara: 3-0


campagnaro-mentre-contrasta-i-giocatori-juventini

Con le reti di Khedira, Mandzukic ed Hernanes, la Juventus fa suo il match contro un buon Pescara che ha retto e messo in difficoltà i padroni di casa per un tempo. Storico esordio per il sedicenne Kean.

Anche in casa bianconera ci sono numerosi indisponibili: Barzagli, Chiellini, Benatia, Pjaca, Dybala e Dani Alves. Mister Allegri, contro il Pescara si schiera con un 3-5-2 difesa formata da Neto tra i pali, difesa a tre composta da Rugani, Bonucci ed Evra. La linea di centrocampo è formata da Licksteiner, Khedira, Hernanes, Asamoah, Alex Sandro. Il duo di attacco dei bianconeri è guidato da Higuain – Mandzukic. Contro i bianconeri ancora una volta mister Oddo, non potrà avere a disposizione numerosi elementi: Gyomber, Coda, Bahebeck, Verre, Fornasier e Mitrita sono infortunati; mentre Manaj parte dalla panchina.  Per la sfida contro la Juventus, mister Oddo adotta un inconsueto 3-5-2 con Bizzarri tra i pali, difesa a tre composta da Biraghi, Campagnaro e Zuparic. La linea di centrocampo è composta da cinque uomini con Crescenzi e Zampano esterni, Memushaj, Brugman e Cristante sulla linea mediana. Il duo di attacco del Pescara, è formato da Caprari e Pettinari.

I primi minuti di gioco sono all’insegna della noia, con la Juve che mostra una sterile supremazia bianconera, mentre il Pescara è impegnato a chiudere bene gli spazi con ordine e disciplina tattica. Nel primo tempo non si registrano grandi emozioni con la signora bianconera che viene messa in difficoltà dal Pescara, in varie circostanze. La difesa juventina, con Bonucci in prima linea, non fa passare una palla. E, per poco, Caprari non trova il guizzo del vantaggio ospite. Sempre nel primo tempo la Juventus è costretta ad operare la prima sostituzione, esce Lichsteiner ed entra Cuadrado. Durante il momento di stasi della gara la Juve colpisce al 35’ con Khedira, tocco di destro impossibile parare per Bizzarri. Nella ripresa Oddo, perde Campagnaro per infortunio e inserisce Vitturini.

La Juve inizia a ruggire con il tentativo di raddoppiare Higuain, sfruttando un errore in uscita del Pescara, colpisce da posizione favorevole il palo. E’ la Juve a fare la partita, Pescara con baricentro piuttosto basso. Il dominio territoriale della Juve sfocia nella rete della sicurezza: al 62’ guizzo di Mandzukic e Pescara ko. Oddo tenta la carta e getta nella mischia l’ex Pepe, applauditissimo dai suoi ex tifosi, al posto di Pettinari. Al 68’ la Juve si regala il terzo gol questa volta con Hernanes, autore di una prova maiuscola. Nel finale la Juve opera due sostituzioni fuori Khedira e spazio per Sturaro. Nei minuti finali arriva il momento tanto atteso dai tifosi juventini, ovvero il debutto in prima squadra del 16enne Kean, attaccante predestinato a un percorso brillante.

Per il Pescara è notte fonda, domenica prossima sarà di scena all’Olimpico contro la Roma di Totti.

91’ I COMMENTI FINALI

Una vittoria soddisfacente per il tecnico della Juve Allegri, che al termine della partita ha dichiarato: «Questa squadra è forte a livello mentale – sottolinea il tecnico – perché gioca ogni gara senza prenderla alla leggera, questa sera sarebbe potuto accadere e invece abbiamo dato un segnale di grande umiltà. E poi chi gioca meno si fa sempre trovare pronto. Questo è molto importante perché permettono ai compagni di rifiatare. È una vittoria importante, perché i tre punti di oggi valevano come quelli di Milano, che non abbiamo preso, o quelli ottenuti contro il Napoli. Dopo la sosta le gare sono sempre enigmatiche e il Pescara finora ha fatto buone partite. Anche questa sera ha giocato bene ed è stato anche merito nostro se ha creato meno del solito. Ci ha portato molta pressione nel primo tempo e ha chiuso bene gli spazi. Dopo il vantaggio la gara si è fatta più semplice, ma sono contento della prestazione, anche perché non abbiamo preso gol».

Allegri si sofferma poi sui singoli, cominciando da Higuain, che non ha segnato ma si è reso più volte pericoloso e soprattutto «ha fatto una prestazione importante, sacrificandosi a giocare tra le linee. Lui e Mandzukic possono giocare insieme se si sacrificano a turno in quella posizione. Khedira? Quest’anno ha giocato il triplo delle partite dello scorso anno. Quando alza l’intensità fa giocare la squadra e si fa trovare pronto anche in zona gol. Alex Sandro è importante e può ancora migliorare perché a volte forza un po’ le giocate e in quei momenti spreca energie, ma è comunque tra i primi tre terzini al mondo. Hernanes ha fatto una buona gara, come altre volte e sono contento del gol che ha segnato».

Rammaricato per il risultato è il tecnico del Pescara, Massimo Oddo che ha commentato così la partita ai microfoni di Mediaset Premium: “Quando perdi 3-0 non puoi essere soddisfatto. Siamo stati ordinati nel primo tempo. Dopo il secondo gol abbiamo tenuto bene il campo, poi quando viene a mancare la gamba i valori tecnici consentono alla Juve di poterti schiacciare un po’, ma questa è la normalità. Però credo che la squadra sia stata un pochino più solida. Ho tanto rammarico da inizio campionato, perché ci siamo mangiati tantissimi gol. Ci auguriamo che arriveranno tempi migliori. Campagnaro aveva un problema al polpaccio ed è stato sostituito”.

Juventus (3-5-2): Neto; Rugani, Bonucci, Evra; Lichtsteiner, (dal 24’pt Cuadrado) Khedira, (dal 71’st Sturaro) Hernanes, Asamoah, Alex Sandro; Mandzukic, (dall’ 83’ st Kean) Higuain. A disposizione: Buffon, Audero, Chiellini, Sturaro, Pjanic, Lemina, Marchisio, Cuadrado, Kean. All. Allegri

PESCARA (3-5-2) Bizzarri, Crescenzi, Biraghi, Cristante, (dal 75’st Bruno) Memushaj, Zampano, Zuparic, Campagnaro, (dal 46’st Vitturini) Brugman, Caprari, Pettinari. (dal 66’st Pepe) A disp: Fiorillo, Bruno, Manaj, Benalì, Pepe, Vitturini, Muric All. Oddo

Arbitro: Fabbri di Ravenna

Assistenti: Posado e De Meo

Addizionali: Calvarese – Abbattista

IV uomo: Vivenzi di Brescia

Reti: 35’ pt Khedira, 62’st Mandzukic, 68’ st Hernanes

Ammoniti: Crescenzi (P) Bruno (P)

Angoli: 6 Juventus, 0 Pescara

Recupero: 1’ pt, 2 st’

Pubblicato sotto: Sport