Il Pescara mette paura alla Roma, ma esce sconfitto dall’Olimpico


roma-pescara

Nulla da fare per il Pescara, che dall’Olimpico di Roma esce a mani vuote. La squadra giallorossa nel primo tempo prima fa tutto facile realizzando due gol con Dzeko, poi nella ripresa arriva la reazione del Pescara, che rimonta per ben due reti alla Roma di Totti, ma il risultato non cambia.

La Roma batte il Pescara e riagguanta il Milan al secondo posto e si porta a meno 4 dalla Juventus: Dezeko doppietta, Memushaj, Perotti su rigore e Caprari fissano il risultato sul 3-2 finale.

Nella Roma mister Spalletti recupera capitan Totti, indisponibili Rui, Florenzi, Manolas e El Shaarawy. La Roma, si schiera col classico 4-2-3-1 con Szczesny tra i pali, difesa a quattro con Peres e Emerson esterni, difesa centrale composta dal duo: Rudiger – Fazio. La linea mediana del campo è composta da Gerson – Strottman, Salah, Nainggolan e Perotti sono di supporto a l’unica punta Dzeko.

Nel Pescara, mister Oddo lascia a casa Manaj per motivi disciplinari, recupera Verre in panchina e Bahebeck dal primo minuto. Campagnaro, Coda, Fornasier, Bruno e Mitrita sono infortunati.

Oddo conferma lo stesso schieramento di Torino ed apporta delle novità: in formazione gioca Pepe dal primo minuto e rientra Benalì dopo qualche domenica di riposo. Oddo conferma il modulo 3-4-2-1 con Bizzarri in porta, difesa a tre con Biraghi, Zuparic e Vitturini. Memushaj e Brugman sono i mediani, Crescenzi e Zampano esterni di centrocampo; Benalì e Pepe sono di supporto all’unica punta Bahebeck. La partita inizia regalando subito delle emozioni. Bahebeck, in campo dal 1’ si infortuna al 2’ ed è costretto ad uscire al suo posto entra Caprari. La Roma inizia a spingere e due minuti dopo arriva la prima rete. Dagli sviluppi di un corner Dzeko si inserisce alla perfezione, di destro in scivolata la mette dentro. Per il Pescara è un avvio da incubo, infatti al 10’ la Roma raddoppia con Dzeko. E’ sempre il bosniaco sul filo del fuorigioco che, su assist perfetto di Perotti, al 10’ fa doppietta e raddoppia.

Al 21’ si fa vedere ancora la Roma con Nainggolan che ci prova dalla distanza, Bizzarri è pronto. Il Pescara prova a prendere coraggio, contro una Roma che ha alti e bassi Caprari, poi Zuparic e Benali tentano di sorprendere il portiere avversario, sempre attento.  Al 28’ ci prova Salah calcia, ma il tiro ribattuto termina sui piedi di Nainggolan che piazza la palla: un grande intervento di Bizzarri impedisce il 3-0. Al 34’ Memushaj è bravissimo a chiudere su Salah partito in contropiede. Sul finire del primo tempo al 45’ colpo di testa di Dzeko, servito da Perotti, fallisce un gol facile; il primo tempo termina sulla Roma in vantaggio di due reti sul Pescara.

Nella ripresa, Oddo lascia negli spogliatoi Vetturini al suo posto subentra Verre. Dzeko al 51’ fa tutto bene, ma il suo tiro finisce sull’esterno della rete. Szczesny su Pepe al 53’ para di piede, un grande intervento, e manda in corner. È Verre al 58’ di sinistro a impegnare il n.1 polacco. La superficialità degli uomini di Spalletti paga pegno al 60’: Memushaj di sinistro con un tiro rasoterra riapre la gara. Si riparte dal 2-1. Al 69’ Crescenzi commette in area un fallo su Perotti. L’arbitro assegna il rigore.  È l’argentino che va sul dischetto e mette dentro il penalty del 3-1. La partita non è finita: Caprari tutto solo in area, si ritrova tra i piedi una palla ribattuta e la calcia sicuro, segnando la rete del 3-2. La partita continua a regalare emozioni, un destro di Verre al 79’ dai 25 metri fa tremare i tifosi della Roma. Subito dopo Salah impegna Bizzarri che para, poi la palla viene mandata in corner. La gara volge al termine con la Roma che porta via i tre punti, mentre il Pescara rimane ancorato ancora a quota sette in classifica, e domenica arriva il Cagliari una partita da non sbagliare.

91’ i commenti:

Al termine dell’incontro nella sala stampa dell’Olimpico di Roma, il tecnico Luciano Spalletti è contento che la Roma abbia portato a casa i tre punti con il Pescara grazie anche ad un po’ di esperienza, anche se sottolinea che i suoi ragazzi devono essere più attenti e dare meno opportunità agli avversari di rendersi pericolosi. “Abbiamo concesso troppo, ma è anche bene che si riesca a portare ogni tanto a casa delle partite con mestiere, senza aver fatto benissimo come oggi, ma sfruttando un po’ l’esperienza” ha detto il tecnico giallorosso a fine gara. Spalletti è quindi soddisfatto dei tre punti che a suo parere sono stati giustamente guadagnati sul campo: “Bisogna vincere in questo sport: quindi alla fine conta quello. E oggi alla fine la gara l’abbiamo vinta e anche meritatamente”. Vittoria arrivata ma con sofferenza… “E’ vero, ma noi come squadra siamo in una fase di cambiamento. Non ci interessa infatti essere belli, ma essere vincenti. E io ripeto che la squadra ha portato a casa una bella vittoria, appunto per come è arrivata. A Roma si può perdere e il Pescara oggi ha giocato in tranquillità: loro infatti hanno fatto giocate che sono state la diretta conseguenza del fatto che sono scesi in campo senza molta pressione addosso. E poi ovviamente sono stati bravi a farci due gol”.

Il tecnico del Pescara, mister Oddo, analizza durante la conferenza stampa la partita e dichiara: “Partenza completamente sbagliata. Pronti via due gol subiti. Poi, grande reazione. Probabilmente avremmo meritato qualcosa in più. Sono stato sempre convinto di giocare col 4-3-2-1. È un dato di fatto. Questa è la nostra strada. Se avessi una squadra poco tecnica e molto fisica non potrei mai adottare questo sistema di gioco. Ripeto: sono ancora più convinto che la strada migliore sia questa. Non possiamo giocare in modo diverso. Con l’organico al completo, avremmo ottenuto almeno 5/6 punti di più. Se la squadra risponde sempre così, sono molto fiducioso per il prosieguo del campionato”.

ROMA (4-2-3-1) Szczesny, Rudiger, Nainggolan, (dal 63’st De Rossi) Strootman, Perotti, Dzeko, Salah, (dal 90’st Vermaelen) Peres, Fazio, Gerson, (dal 71’st Totti) Emerson. A disp: Alisson, Crisanto, Jesus, Iturbe, Totti, Vermaelen, De Rossi, Seck, Marchizza, Soleri. All. Spalletti

PESCARA (3-4-2-1) Bizzarri, Crescenzi, Biraghi, Memushaj, Benalì, (dal 77’st Cristante) Zampano, Zuparic, Bahebeck, (dal 4’pt Caprari) Pepe, Vitturini. (dal 46’st Verre) A disp: Fiorillo, Cristante, Caprari, D’Angelo, Mele, Maloku, Pettinari, Muric, Forte.  All. Oddo

Arbitro: Irrati di Pistoia

Addizionali: Celi – Manganiello

Assistenti: Longo – Paganessi

IV uomo: Passeri

Reti: 7’ pt Dzeko, 10’ Dzeko pt, 60 st’ Memushaj, 71’st Perotti su rig., 74’st Caprari,

Ammoniti: Biraghi (P) , Rudiger ( R) , Nainggolan ( R) Emerson ( R) Zuparic ( P) Caprari ( P)

Angoli: 6 Roma, 5 Pescara

Recupero: 2’ pt, 3’ st.

 

Pubblicato sotto: Sport