Caso Marra, indagato il sindaco Raggi


Caso Marra, indagato il sindaco Raggi

Caso Marra, indagato il sindaco Raggi per abuso d’ufficio e falso in atto pubblico.

Serena e fiduciosa nella magistratura che sta portando avanti le indagini sul Caso Marra, la Raggi potrebbe essere raggiunta da avviso di garanzia e ha preferito comunicare l’invito a comparire dalla Procura di Roma il prossimo 30 gennaio sulla sua pagina Facebook, adempiendo al dovere d’informazione previsto dal Codice di comportamento del Movimento 5 Stelle. Il sindaco della capitale risulta indagato nell’inchiesta relativa alla nomina a capo del Dipartimento turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale del Comune poi arrestato lo scorso 16 dicembre. Raffaele Marra, nel contempo, risulta indagato in concorso per abuso d’ufficio nella stessa inchiesta.

Ipotesi di reato sono abuso d’ufficio e falso in atto pubblico. Secondo la Procura, infatti, il sindaco avrebbe mentito a Mariarosa Turchi, responsabile anticorruzione del Campidoglio, e non avrebbe impedito a Raffaele Marra di partecipare alle procedure di nomina del fratello Renato. Già al corrente Beppe Grillo, i consiglieri di maggioranza e i membri della giunta, Raggi si dice pronta a fornire ogni chiarimento necessario. “Nella massima trasparenza che contraddistingue l’operato del M5S – scrive sui social – avviso tutti i cittadini”.