Sulmona, detenuto ricoverato tenta di evadere dall’Ospedale


donato capece segretario SAPPE

Dopo il grave episodio accaduto ieri notte nell’Ospedale di Sulmona, dove ha tentato la fuga un detenuto del carcere, subito fermato dagli Agenti di Polizia Penitenziaria di servizio, è ferma la protesta del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria.

Giuseppe Ninu, segretario regionale per l’Abruzzo del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPEdenuncia, infatti, che quanto avvenuto “poteva creare seri problemi alla sicurezza e all’incolumità dei poliziotti, dei detenuti e dei cittadini che in quel momento si trovavano nell’ospedale. Ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria“.

In sintesi, spiega, “l’uomo, con problematiche psichiatriche, è stato più volte portato al pronto soccorso per una mano gonfia a causa di una contusione che si è procurato dando un pugno a qualche inferriata. Il medico di turno, al termine del turno 16-24, ha quindi deciso l’ennesimo accertamento al Pronto soccorso e, essendo in pieno turno notturno (per altro sottoscorta…), dopo la dimissione, mentre si apprestava a salire sul blindato della Polizia Penitenziaria, ha dato una spallata al poliziotto tentando la fuga ma venendo bloccato e ripreso dai colleghi”.

Il segretario generale del SAPPE Donato Capece (nella foto)  denuncia “una volta di più le quotidiane difficoltà operative con cui si confrontano quotidianamente le unità di Polizia Penitenziaria in servizio nei Nuclei Traduzioni e Piantonamenti dei penitenziari: agenti che sono sotto organico, non retribuiti degnamente, con poca formazione e aggiornamento professionale, impiegati in servizi quotidiani ben oltre le 9 ore di servizio, con mezzi di trasporto dei detenuti spessissimo inidonei a circolare per le strade del Paese, fermi nelle officine perché non ci sono soldi per ripararli o con centinaia di migliaia di chilometri già percorsi“. E torna a denunciare il quotidiano e sistematico ricorso alle visite mediche in ospedali e centri medici fuori dal carcere, con contestuale massiccio impiego di personale di scorta appartenente alla Polizia Penitenziaria, per la diffusa presenza di patologie tra i detenuti: “Dal punto di vista sanitario la situazione delle carceri è semplicemente terrificante: secondo recenti studi di settore è stato accertato che almeno una patologia è presente nel 60-80% dei detenuti. Questo significa che almeno due detenuti su tre sono malati. Tra le malattie più frequenti, proprio quelle infettive, che interessano il 48% dei presenti. A seguire i disturbi psichiatrici (32%), le malattie osteoarticolari (17%), quelle cardiovascolari (16%), problemi metabolici (11%) e dermatologici (10%). Questo fa capire ancora di più come e quanto è particolarmente stressante il lavoro in carcere per le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria e dei Nuclei Traduzioni e Piantonamenti che svolgono quotidianamente il servizio con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità, pur in un contesto assai complicato per il ripetersi di eventi critici”.