Ombrina mare, no al petrolio in Adriatico


no-ombrina

Il popolo del no al petrolio scende in piazza ancora una volta. Dopo le manifestazioni degli anni passati a Lan­ciano, Fossacesia e, ultima in ordine di tempo, nel 2013, a Pescara, cittadini e associazioni ambientaliste tornano a manifestare la loro rabbia contro i progetti di perforazione ed estrazione petroli­fera nell’ A­driatico.

Si tratta delle piattaforme Ombrina Ma­re, Elsa 2 e Rospo Mare, che hanno ricevuto il placet della com­missione mi­nisteriale Via (Valutazione di impatto ambientale) e so­no pronte a estrarre e raffinare petrolio a pochi chilometri dalla costa.

La città di Lanciano sarà protagonista, sabato 23, di una grande manifestazione di piazza per contrastare l’ arrivo del­le trivelle e in­fluenzare la scelta delle istituzioni regionali nell’opporsi fermamente al progetto. Si partirà alle 15 dalla zona industriale di Marcianese in viale Cap­puccini per poi proseguire in un lungo corteo fino in piazza Plebi­scito. Nume­rose le adesioni, da comitati, associazioni, ristoratori e operatori del turismo, sindacati, or­ganiz­za­zioni di categoria.

Non ultimo è arrivato an­che l’appog­gio del mondo della chiesa attraverso la pastorale sociale dell’arcidiocesi di Lan­ciano-Ortona che ha ricordato le parole di Papa Fran­cesco: “Cu­stodire la terra perché dia frutto senza essere sfruttata”.

20150506_110146


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *