Isa, concerto per Mattarella a L’Aquila


Presidente Mattarella

Sarà una giornata intensa quella di lunedì prossimo 16 novembre per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che sarà a L’Aquila per un giro che lo porterà prima all’inaugurazione dell’anno accademico dell’università, poi ad inaugurare il Tribunale da poco ristrutturato dopo il sisma e riaperto, infine ad Onna. La città è già in fibrillazione e il sindaco Massimo Cialente ha disposto la chiusura dei cantieri della ricostruzione per quel giorno.

Poi c’è anche chi vuole ringraziare il Capo dello Stato per averlo avuto vicino nei momenti difficili e di rischio chiusura. Un omaggio  alle origini siciliane del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: è questo il senso della scelta dell’Istituzione sinfonica abruzzese di suonare,  oltre all’immancabile Fratelli D’Italia, l’Intermezzo della Cavalleria Rusticana durante il momento musicale previsto lunedì 16 novembre nella cerimonia di inaugurazione del nuovo Tribunale restituito alla città dell’Aquila dopo il restauro.

Per l’Istituzione sinfonica abruzzese sarà anche l’occasione tanto desiderata per ringraziare il Presidente Mattarella del sostegno che ha offerto all’ente nel momento di grande crisi della scorsa estate quando dal Quirinale è stata inviata all’Isa una lettera con la quale la Segreteria della Presidenza della Repubblica informava  Antonio Centi della forte preoccupazione del Capo dello Stato circa il futuro dell’Istituzione e della sua sollecitazione al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso.Orchestra Sinfonica Abbruzzese 1_0

“Siamo onorati  come Istituzione sinfonica abruzzese – spiega il presidente Antonio Centi nell’annunciare la partecipazione dell’Isa alla cerimonia – di poter salutare musicalmente il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, in occasione della re-inaugurazione del Tribunale dell’Aquila dopo il sisma del 2009. Siamo felicissimi di questa opportunità anche per dimostrare al Presidente l’affetto e la riconoscenza nei suoi confronti per essersi impegnato nel darci una mano nel momento di maggior difficoltà in quanto Istituzione. Di questo conserveremo nel nostro ricordo un sentimento di perenne gratitudine”.