Sulmona abbraccia Toronto: da giugno scambi culturali


Firmato accordo per uno scambio culturale che coinvolgerà Sulmona e Toronto

Il consiglio regionale e il Centro scuola e cultura italiana di Toronto hanno stipulato un protocollo d’intesa per consentire a studenti canadesi di studiare in Abruzzo la lingua italiana. L’intesa, che avrà una durata di tre anni, prevede una presenza a Sulmona di circa 140 tra studenti e tutor nel periodo estivo per tre settimane, e di circa 40 studenti nel periodo compreso tra settembre e dicembre.

Gli studenti canadesi parteciperanno a corsi di lingua italiana ed eventi mirati “con la prospettiva – ha detto il presidente Giuseppe Di Pangrazio – di realizzare a Sulmona la base permanente delle attività svolte fuori dai confini nazionali dal Centro Scuola e Cultura italiana di Toronto”.

Di Pangrazio ha incontrato, in occasione della firma del protocollo, il direttore del Centro, Domenico Servello e il presidente del Board, Antonio Nicaso, scrittore, saggista e criminologo di fama internazionale.  Successivamente,  è stato ricevuto anche dalla direttrice del Consiglio scolastico delle scuole cattoliche di Toronto, Angela Gauthier, di origini abruzzesi, a capo di 200 scuole con circa 97mila studenti di 30 etnie diverse e 10mila tra insegnanti ed operatori. Con la Gauthier, legatissima alla sua terra d’origine (è originaria di Torre de’ Passeri), è stato affrontato il tema di programmare una intesa con la direzione scolastica regionale, al fine di estendere il protocollo anche ad altri centri abruzzesi.

Angela Gauthier con il Presidente Di Pangrazio
Angela Gauthier con il Presidente Di Pangrazio

“Nei prossimi mesi – ha aggiunto il presidente Di Pangrazio a margine dei lavori – coinvolgerò nel progetto anche il direttore scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, che ha fatto pervenire alla collega canadese una lettera di apprezzamento per le attività già messe in campo”.

A chiudere la missione istituzionale in Canada di Di Pangrazio, l’incontro con alcuni imprenditori che importano con successo prodotti abruzzesi, soprattutto agro alimentari: fra questi, anche il giovanissimo Massimo Rotondo, importatore di olio abruzzese, che ha chiesto sostegno organizzativo e promozionale per le future iniziative legate all’Abruzzo che il presidente Di Pangrazio intende avviare a Toronto.