Pescara – Novara, scontro al bivio


Marco Baroni in conferenza stampa

Il Pescara ad un bivio. Dopo la pesante sconfitta rimediata a Vercelli, il Pescara è atteso da un delicato scontro diretto per i play off promozione contro il Novara, dell’ex Baroni.

Nel delicato scontro diretto mister Oddo, dovrà fare a meno di diversi elementi: Zampano è squalificato, mentre Crescenzi, Campagnaro e Verre sono ancora indisponibili per infortunio; il difensore centrale Andrea Coda, sta recuperando e sarà convocato da Oddo; l’unico recuperato è il capitano Memushaj che sarà della partita.

Nel corso della conferenza stampa pre gara, Oddo ha iniziato nell’indicare i calciatori che saranno a sua disposizione: “Ho recuperato Memushaj, mentre Crescenzi e Campagnaro non sono ancora disponibili. Verre no al 70%, ha ancora dolore. Coda, sta meglio anche se non è al 100%, verrà con noi visto che ne abbiamo la necessità. La presenza di Vitturini è scontata; Mandragora non l’ho visto sereno. Anche Lapadula, ci sarà nonostante che non stia bene. Per quanto concerne i portieri per me non c’è ballottaggio, ma devo parlare con Fiorillo oggi per capire se è sereno.”

Dopo la sconfitta di Vercelli, Oddo analizza il momento attuale della squadra: “ Il morale della squadra non è alto, ma in settimana abbiamo lavorato bene per questa partita.  Per domani dovremo mettere quella attenzione che serve, dobbiamo provare a vincere ma soprattutto a non perdere. Vogliamo vincere ma non ci dobbiamo sbilanciare. In campo, mi serve gente di esperienza e carisma , – dichiara Oddo, in conferenza stampa – , che faccia da guida in questi momenti ad una squadra giovane e se la metta sulle spalle.”

Bruno? “Si, può giocare. In questo momento dobbiamo sapere che ci servirà pazienza oltre che determinazione e concentrazione.  Dobbiamo fare una partita furba, ma senza foga. Questo è un bivio importante. “

Il Novara di Baroni: “è una squadra forte, non credo sia una squadra allestita solo per salvarsi.”

E, il rapporto con Baroni: “ so che non c’è mai stato grande feeling tra Baroni e la piazza, ma è un tecnico preparato. Il calcio insegna che possono capitare queste cose. Io, con lui ho sempre avuto un ottimo rapporto, nonostante sui giornali ad ogni momento nero uscisse il nome come successore.”

Nel Novara l’unico assente sarà Faraoni, al suo posto ci sarà probabilmente Dickmann, mentre in avanti Lanzafame è favorito su Corazza.

Per mister Baroni, si tratta di un ritorno all’Adriatico dopo 10 mesi dall’ultima partita sulla panchina del Pescara, è proprio sulla squadra adriatica dice la sua nel corso della conferenza stampa pre gara: “Siamo stati costruiti per salvarci e ci siamo riusciti, ora ci vogliamo togliere delle soddisfazioni. Il fatto di arrivare a giocare una partita così importante, con due punti in più conquistati sul campo rispetto al Pescara, dà la percezione di quanto di buono fatto dal Novara. Se non scendiamo in campo con l’atteggiamento giusto sarà impossibile fare risultato a Pescara. Rimanendo alti e lavorando bene sulle nostre qualità potremo metterli in difficoltà. Partita nella partita? Io non ho vendette e non ho nemici, ho motivazioni ben più ampie che battere una mia ex squadra, siamo ambiziosi e vogliamo fare bene contro una squadra, un allenatore e una società importanti. Hanno il capocannoniere in campo, spesso va in tribuna il capocannoniere dello scorso anno, questo la dice lunga sulle potenzialità del nostro avversario. La cosa più importante è l’equilibrio, i nostri centrocampisti ci danno tanto sotto questo punto di vista. Federico sta facendo molto bene sono convinto che la sua proiezione è in crescita, bisogna dire che lui e Nicolas hanno giocato moltissimi minuti”

L’incontro sarà diretto dall’arbitro Pezzuto di Lecce, coadiuvato dagli assistenti Pasquale De Meo di Foggia e Antonino Santoro di Catania, quarto ufficiale Vincenzo Fiorini di Frosinone.

 

 

 

Pubblicato sotto: Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *