Prostituzione a Pescara, sgominata la gang


Racket prostituzione

Smantellata a Pescara un’organizzazione criminale composta da romeni e italiani, accusati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e all’estorsione. E’ l’operazione portata a termine dalla Squadra mobile di Pescara, in collaborazione con la polizia romena e il Servizio Interpol che, a seguito di indagini e ricerche, ha portato all’arresto di due cittadini romeni, marito e moglie, ex latitanti, colpiti da mandato di arresto europeo. Altri due soggetti, una rumena ed un pescarese pregiudicato, sono destinatari del provvedimento. I ruoli erano ben definiti: mentre i due uomini erano incaricati di reclutare giovani donne all’estero, alle due donne era affidato il compito di coordinamento tra i boss e le prostitute. Nella vicenda di racket sono coinvolte altre sei persone, tra romeni e italiani, destinatarie di avviso di garanzia.

Titolare dell’indagine è il pm Andrea Papalia.  A far scattare le indagini nel 2014,  sono proprio le vittime del giro che avevano denunciato l’organizzazione per sfruttamento della prostituzione ed estorsione, a seguito di somme di denaro (dalle 30 giornaliere alle 150 euro settimanali) da versare ai capi del clan, che erano loro imposte dietro la concessione a svolgere l’attività sessuale nei territori in cui la gang esercitava il controllo: prese di mira la zona sud di Pescara e la Pineta dannunziana. Minacce e maltrattamenti era il prezzo da pagare per coloro che si opponevano. Il giro d’affari fruttava alla gang circa cinquantamila euro di guadagno mensile.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *