Degrado, Piazza Muzii sotto controllo


Piazza Muzii

Proseguono i controlli e il monitoraggio sicurezza in zona Piazza Muzii a Pescara. L’assessore comunale alle Attività produttive Giacomo Cuzzi sottolinea in una nota la non criticità in presenza della polizia municipale.

“Giro di vite e di controlli al via su piazza Muzii e zone limitrofe dove da ieri la Polizia Municipale ha infittito presenza e attività, al fine di scoraggiare comportamenti negativi per la zona e chi ha scelto di viverci e di investire. Presto partiranno provvedimenti da parte dell’Amministrazione per dare regole capaci di consentire la sostenibilità dell’intrattenimento che lì si è affermato negli ultimi anni e a cui non vogliamo rinunciare perché è un valore aggiunto per l’economia cittadina e del settore, ma in sintonia con la legittima aspirazione alla tranquillità dei residenti.

Come detto in diverse occasioni, le due cose non possono più essere distinte, ma devono procedere di pari passo, come accade in tante altre importanti città italiane e d’Europa e come può accadere anche a Pescara facendo un percorso di condivisione delle scelte come quello che abbiamo proposto a tutti i soggetti interessati sia in passato che in questi giorni.

Non tollereremo più situazioni al limite del degrado, i controlli continueranno ad esserci. Nella serata di ieri non ci sono stati particolari criticità durante le attività svolte dalla Polizia Municipale, di persona ho avuto modo di sincerarmi che la frequentazione è stata senza problemi di nessun tipo. L’aspirazione è che questo diventi la norma, considerato sia il fattore tranquillità che vivibilità della zona, in cui non può essere esclusa la vocazione a questo genere di intrattenimento.

Quello che faremo sarà comunque portare regole capaci di agevolare la crescita sostenibile di questa parte di città, al rispetto delle quali dovranno contribuire tutti: residenti, esercenti e, in particolar modo, quanti usano la piazza che è e resta un patrimonio di tutti e, in quanto tale, va trattata con dignità e rispetto”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *