Pescara, inquinamento: sequestrato un altro impianto


Sequesto impianto

Prosegue senza sosta l’attività di monitoraggio dell’inquinamento del fiume Pescara: la Guardia costiera ha effettuato un ulteriore sequestro di un impianto e individuato altri due scarichi fognari che si aggiungono ai precedenti.

Continua a dare importanti risultati la campagna di tutela ambientale che sta fortemente impegnando, ormai dalla scorsa stagione estiva, gli uomini della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Pescara sugli alvei dei fiumi della provincia di Pescara, per accertare quali siano le principali fonti d’inquinamento del porto e del mare.

Dopo il sequestro di due frantoi oleari a Chieti scalo, dei depuratori di Manoppello, Lettomanoppello – Santa Liberata e di Rosciano – Villa Badessa, della discarica di Villa Carmine di Montesilvano, della fossa settica della frazione Palozzo di Cepagatti e l’individuazione uno scarico diretto fognario, di grossa portata, in località Villa Raspa di Spoltore, è stata sottoposta a sequestro un’altra fossa settica/Imhoff in località Villamare del Comune di Cepagatti dalla quale, attraverso una condotta non autorizzata, i reflui fognari non adeguatamente depurati si sversavano nelle acque del Torrente Nora, affluente della sinistra idraulica del fiume Pescara, determinando un grave inquinamento microbiologico delle acque; elevatissima, infatti, è risultata la carica batteriologica dei reflui campionati. Iscritti nel registro degli indagati i responsabili tecnici dell’ente gestore dell’impianto, per i reati di attività di gestione di rifiuti non autorizzata, getto pericoloso di cose ed inquinamento ambientale.

Sequestro impianto
Sequestro impianto

Negli ultimi giorni gli uomini della Capitaneria di porto – Guardia costiera hanno pure individuato, in località Santa Teresa del Comune di Spoltore, due diverse condotte di acque nere che, per mancanza di un breve tratto di collegamento con la linea fognaria principale di adduzione al depuratore di Pescara, scaricavano i propri reflui nel Pescara. In particolare, sia nel primo caso, accertato all’incrocio tra la via Mare Adriatico e via Tordino, che nel secondo, riscontrato nei pressi di uno stabilimento industriale, i reflui non depurati si sversavano in fossi di acque meteoriche provenienti dalle limitrofe aree collinari, confluendo successivamente nel fiume. In entrambi i casi, quanto scoperto ha determinato l’attivazione del soggetto gestore delle linee fognarie che ha già provveduto, attraverso i dovuti lavori, a realizzare quanto necessario affinché le acque nere fossero immediatamente convogliate sulle linee di adduzione al depuratore di Pescara.

Sequestro impianto
Intervento Guardia costiera

La scorsa settimana inoltre, nella zona industriale di Pescara, dove sono stati già accertati notevoli superamenti dei previsti parametri microbiologici, è stata condotta, in collaborazione con la Polizia Provinciale, una vasta operazione di polizia ambientale in occasione della quale, attraverso l’impiego di venti militari, è stata sottoposta a controllo la gestione dei rifiuti/scarichi da parte di venti attività commerciali/industriali, riscontrando l’anomala presenza di numerosi insediamenti non ancora collegati alla condotte fognarie della zona, che accumulano le acque nere in fosse settiche.