Richiesta la revoca del divieto di balneazione su via Galilei


Mare, revoca divieto balneazione

L’Amministrazione comunale di Pescara ha provveduto nella giornata di ieri a richiedere alla Regione Abruzzo la revoca del divieto di balneazione temporaneo per acque scarse nel punto di campionamento denominato via Galilei.

E’ stata avviata la procedura per richiedere la revoca del divieto di balneazione su via GalileiCosì il vicesindaco e assessore al Demanio Enzo Del Vecchio: “Un risultato importante dopo che negli ultimi tempi le analisi svolte dall’Arta hanno fatto registrare valori di conformità per quello specifico punto. Come abbiamo già avuto modo di affermare in questi giorni, il livello dell’attenzione e della vigilanza non si abbassa, ma, anzi, i dati ultimi ci motivano ancor di più nel percorso che abbiamo assunto, volto ad ingaggiare una vera e propria battaglia contro tutti gli elementi inquinanti che vengono riversati nel fiume Pescara. In questo senso siamo fiduciosi che alla prossima tornata di analisi, anche per il punto di campionamento di via Balilla possa ripetersi un dato di conformità che consentirebbe di avere la balneabilità su tutto il litorale cittadino.

Questa situazione ha comunque determinato nel corso degli ultimi anni una condizione di criticità gestionale da parte dei concessionari degli stabilimenti balneari che fa registrare una diminuzione delle attività con conseguente ripercussione sull’economia delle aziende cittadine interessate. Per tale ragione, ho ritenuto di dover richiedere al ministero delle Infrastrutture, alla Regione Abruzzo e all’Agenzia del Demanio di valutare l’applicazione di quanto previsto dall’articolo 1 comma 251 della legge n. 296 del 2006 che consente in tali situazioni di applicare una riduzione dei canoni concessori nella misura del 50 per cento. L’auspicio è che si possa presto recuperare il massimo della funzionalità e fruibilità del nostro litorale e che i concessionari possano svolgere appieno la loro attività aziendale che rappresenta un elemento importante della nostra economia e per l’occupazione di centinaia di persone del comparto. Nei prossimi giorni insieme con la Regione Abruzzo incontreremo i responsabili del ministero e Agenzia del Demanio per rappresentare quanto oggi richiesto formalmente con la nota allegata”.