Lorenzo Berghella racconta il suo pluripremiato Bangland


Lorenzo Berghella

La sapiente fusione tra creatività e fumettistica applicata alla cinematografia è l’input che ha dato vita ad una singolare opera apprezzata e riconosciuta dalla critica nazionale e internazionale: Bangland, diretto dalla magistrale regia di Lorenzo Berghella.

Un talento tanto giovane quanto scaltro nel carpire la formula ideale per catalizzare l’attenzione di pubblico e addetti del settore sul territorio abruzzese. Ventisei anni, pescarese doc, Lorenzo, a differenza di tanti esordienti figli d’ar­te, deve tutto il suo attuale successo a sé stesso, alla sua caparbietà miscelata con dosi di istinto creativo e competenza in materia. Una competenza che deriva dal background professionale ac­quisito in 7 anni di un per­corso didattico targato Ifa, la scuola di cinema di Pescara fondata nel 2009 dai fratelli Cristiano e Alessandro Di Felice. Un’ac­­­­cademia sul modello dei college americani che, attraverso la metodologia di una formazione articolata e completa, impartita da docenti professionisti da anni operativi nel settore della celluloide, sta sfornando grandi talenti, vanto e pregio dell’accademia stessa nonché della nostra terra.

Esercitazione
Esercitazione

La scuola funge da vero e proprio richiamo per i ragazzi provenienti da tutta la penisola, merito delle spiccate capacità produttive, delle attrezzature in dotazione e di un corpo docente del calibro di Gianluca Arcopinto, produttore cinematografico riconosciuto come uno dei più coraggiosi produttori indipendenti del cinema italiano o Zulima Memba, acting coach, regista e drammaturga che ha collaborato con Ignazio Garcìa. Solo per citarne alcuni, le grandi firme sono: per il corso di regia il premio Solinas Angelo Carbone (Liberi, Alza la testa, La prima luce), Gianluca Ar­copinto (Gomorra – La Serie, Anime Nere, Rug­gine) Cristiano Di Felice, Matteo Di Simone, Fa­brizio Provinciali, Gian­luca Palma, Piercesare Stagni e Daniele Guarnera mentre per il corso di recitazione Marco Cassini (I Borgia, Fuoriclasse, Don Matteo), Zulima Memba e Daniele Ciglia. Scio­ri­nia­mo alcuni numeri per rendere l’idea: in 6 anni sono stati sfornati oltre 10 registi e 18 cortometraggi dove hanno anche esordito 15 attori protagonisti emergenti iscritti al corso di recitazione della scuola.

Doppiaggio
Doppiaggio

Tra una lezione e l’altra in questa accademia cinematografica, abbiamo in­contrato Lorenzo Ber­ghel­la, il giovane regista pluripremiato di Bangland, per parlare della sua opera:

Come è nata l’idea di Bangland, un film così peculiare nel suo genere?

Il film è nato all’interno della scuola da un fumetto da me creato, inizialmente proposto come cortometraggio che risale al 2013. Nel 2014 Gianluca Ar­co­pinto è entrato in co-produzione. La simbiosi tra fumetto e cinema mi ha consegnato l’idea. Una trama alquanto in­novativa, ma che si inseri­sce nel panorama contemporaneo.

Come si struttura la sceneggiatura?

L’idea è quella di rappresentare una città immaginaria americana adattata all’epoca contemporanea, dove Steven Spielberg è il presidente Usa che dichiara guerra ad un altrettanto immaginario stato africano dal nome Mahaba. Si tratta di una proiezione della percezione della realtà. Il fim ha una durata di 61 minuti, inizialmente 15’ come cortometraggio.

Bangland

Quali sono gli strumenti utilizzati per realizzare tali personaggi sullo schermo?

Prendendo lo spunto da personaggi della vita reale, nello specifico i miei familiari, ricreo i personaggi usufruendo di un rotoscopio artigianale utilizzato secondo una metodologia personalizzata.

Quali sono state le tue “muse ispiratrici” del panorama letterario?

Mi sono ispirato ai ro­manzi di George Orwell e al suo 1984 e ad Alan Mo­ore. E confesso che il mio insegnante di regia Cri­stiano Di felice mi ha spronato sulla strada dell’animazione”.

Immagini del film Bangland
Altre scene del film Bangland

Parliamo dei vari riconoscimenti ottenuti e delle tappe relative alla promozione del film.

Il film è stato selezionato a Venezia nella “Giornata degli autori” e ha ottenuto il “Premio Siae, talento emergente”. Per quanto concerne le proiezioni, c’è stata la prima nazionale a Roma l’11 giugno al­l’A­pollo, dove è rimasto in programmazione fino al 15 giugno. L’8 luglio a Ci­ne­città Film Festival di Roma, dove gli è stato conferito un ulteriore premio e il 25 luglio sarà a Santa Ma­ri­nella Film Fe­stival di Roma e al Gallo Film Fe­stival. Sul fronte delle tap­pe a­bruz­zesi, ab­biamo già toccato Pescara e le altre province. La promozione proseguirà fino al mese di settembre.

Qual è il prossimo progetto che serbi in cantiere?

Al momento sto scrivendo un noir surreale. In­crociamo le dita per i prossimi step.

 

Nel link seguente il trailer di Bangland su Facebook:

https://www.facebook.com/Banglandmovie/videos/956794697771304/

e il link della pagina Facebook ufficiale del film:

https://www.facebook.com/Banglandmovie/

Per gli altri lavori della scuola visitare il sito:

www.ifascuoladicinema.it/