Sup Day, per vincere il diabete


Sup Day

A Pescara si celebra il Sup Day, iniziativa per la conoscenza e cura del diabete.

Si svolgerà oggi sabato 16 luglio dalle ore 9,30 al largo dello stabilimento Haway il Sup Day, giornata che unisce la pratica dello sport a remi e la sanità, con conoscenza e cura del diabete, a cura dell’Associazione Nazionale Italiana Atleti Diabetici Onlus e con il patrocinio del Comune di Pescara. Alla conferenza hanno partecipato la dottoressa Giuliana La Penna del centro diabetico di Pescara, la presidentessa Aniad Rosa De Luca, la vice presidente del Consiglio Comunale Lola Gabriella Berardi.

“Conoscere aiuta ad affrontare meglio una patologia come il diabete, per questo l’Amministrazione rinnova il patrocinio a questo nuovo evento dell’Aniad – dice la vice presidente del Consiglio Comunale  Lola Gabriella Berardi – Quest’anno sport e sanità viaggeranno con gli atleti diabetici del Sup, una disciplina che è stata presa ad esempio per coniugare l’attività fisica alla cura della patologia diabetica e che siamo convinti servirà a convincere chi soffre di diabete che lo sport è cura e prevenzione”.

“Lo sport è una componente essenziale nella vita dell’uomo e in particolare per il soggetto diabetico – dice la dottoressa Giuliana La Penna –  sia per il diabete di tipo 1 che 2. Per noi diabetologi l’attività fisica è uno strumento terapeutico, perché oltre a migliorare le glicemie, migliora la qualità della vita. Fino a qualche tempo fa eravamo più severi, perché limitavamo i pazienti nell’esecuzione degli sport, specie quelli di resistenza o acquatici per il timore delle ipoglicemie, oggi abbiamo rivisto le nostre convinzioni e pensiamo che un soggetto affetto da diabete 1 possa svolgere qualsiasi tipo di attività fisica a condizione che la sappia gestire bene. Migliora la qualità della vita perché riduce l’ansia e fa acquistare potenza nei confronti del diabete”.

“E’ importante convincere altri diabetici che la gestione di un’attività fisica anche a livello agonistico aiuta – aggiunge la preseidente dei diabetici dell’Aniad Rosa De Luca – Lo sport aiuta a un più scrupoloso controllo della glicemia e aiuta a capire come funziona il nostro organismo. La manifestazione coinvolge oltre all’ambito territoriale anche altre figure da fuori Italia: ci saranno oltre 25 atleti specializzati nel Sup e siamo convinti che questo tipo di disciplina che sta acquistando sempre maggiore attenzione fra giovani e meno giovani, conquisterà anche il pubblico pescarese”.