Spazio Donna Abruzzo presenta la biodanza esperenziale


Spazio Donna Abruzzo Biodanza

Spazio Donna Abruzzo presenta la biodanza esperenziale.

In occasione dell’iniziativa “Coast Day insieme per il mare”, la due giorni abruzzese dedicata ai temi della tutela dell’ambiente marino e costiero, momento di confronto del Progetto Comunitario Adriatic +, finanziato dal Programma Ipa Adriatic Cbc 2007/2013, l’associazione Spazio Donna Abruzzo, insieme a Wwf, Legambiente, Mare Vivo, Centro Studi Cetacei, Lega Navale Italiana, e Club Aquatico, si è alternata in momenti dedicati al coinvolgimento del pubblico attraverso laboratori ed attività di sensibilizzazione sul tema della tutela ambientale.

Spazio Donna Abruzzo, nella persona della presidente Anna Rita Rossini, occupata nella ricerca e sviluppo di nuove opportunità provenienti dalla Blue Economy e da tutte le sue connotazioni di rilevanza turistico/imprenditoriale e di sviluppo territoriale, ha voluto essere presente all’evento con l’area di Benessere e Biodanza, che ha come responsabile Pina Pasetti, della Scuola Di Biodanza dell’Adriatico, diretta da Creusa Dionisia da Silveira e coordinata dall’architetto Nando Gozzi, anch’egli esperto in materia di ambiente, entrambi provenienti dalla regione Marche.

Così la presidente, a nome di tutti gli associati: “Ringrazio gli insegnanti di Biodanza delle Marche e dell’Abruzzo, che hanno partecipato all’evento in modo attivo, rendendone possibile la riuscita, nonché le associazioni Tiger Dance con la presidente Letizia Valentini, la Cooperativa Camilla con Elisa Carnioli e la Cooperativa Orizzonti Onlus con Michela Mattoscio per la collaborazione,tutti i cittadini che hanno partecipato e le istituzioni locali per averci dato l’opportunità di condividere un momento di sensibilizzazione importante verso la biodiversita’”.

Pina Pasetti, referente area benessere e biodanza Spazio Donna Abruzzo, conclude: “La Biodanza è un sistema che si sviluppa sulla base del Principio Biocentrico, il quale considera l’Universo come un sistema vivente dove la vita è al centro di tutto. Fonda le sue basi sulle leggi universali che regolano e conservano i sistemi viventi rendendo possibile la loro evoluzione. Il mare è il più grande spazio di vita, un habitat dove un’infinità di queste specie si relazionano e si muovono come in una grande danza. Noi apparteniamo a questa grande risorsa della natura perché il nostro corpo è per il 70% circa costituito d’acqua, ed è per questo che proviamo una sensazione di assoluto benessere imitandone il movimento: ne sentiamo il richiamo e tutti d’accordo sulla necessità di tutela”.