Mai mollare…i quattro tipi


Obiettivo

Abbiamo già parlato tante volte di cosa sono gli obiettivi. Io li amo definire desideri temporizzati. Una delle differenze tra obiettivo e sogno o desiderio di qualcosa, sta proprio lì.

L’obiettivo deve avere una scadenza, altrimenti rimane qualcosa di evanescente di impalpabile, e che con ogni probabilità rimarrà solo un desiderio. Assodato questo, appare evidente che per far si che possiamo raggiungere le nostre mete, dobbiamo adoperarci avendo le giuste strategie. Volendo classificare le tipologie di persone in base alla loro attitudine a centrare i propri traguardi, possiamo contarne di 4 tipi:

1. Il primo tipo è il corridore, ovvero quello che vuole sempre tante cose, ma in realtà ne ottiene poche perché non ha capito realmente cosa è importante per lui. Lo vedi sempre all’opera, ma è inconcludente proprio perché, come un toro imbizzarrito, si dimena tanto e con forza, ma senza un preciso scopo. Non ha strategie adatte. 2. Il secondo tipo è l’albero, quello che contrariamente al primo tipo, sa cosa vuole, ma esattamente come una pianta, non si muove. Ha sempre delle scuse per non fare. 3. Il terzo tipo è quello che raccoglie i primi due. Non ha idee, ma vive di quelle degli altri e non si muove affatto perché si accontenta delle scelte che gli altri compiono per lui. Si ritrova molto spesso a vivere una vita insoddisfacente. 4. Quello felice. Il quarto tipo è quello che raggiunge i suoi obiettivi. Non è il migliore stratega, ma sa organizzarsi bene, non è il miglior corridore, ma è un buon velocista. La dote che gli consente di riuscire è la flessibilità. Determinato un obiettivo, lo persegue senza mai mollare. Se la strada è dura lui ha la determinazione per andare avanti, ma se si trova in un vicolo cieco lui cambia rotta, ma non obiettivo. Quello che vuole va a prenderselo in un modo o in un altro. Questa sua dote, che lo rende sempre efficace, è una dote che accomuna tutte le persone di successo. Thomas Edison ad esempio, era convinto della sua idea quando inventò la lampadina, ma fallì migliaia di volte prima di riuscirci. Cambio rotta, ma non obiettivo. Perseverare facendo sempre la stessa cosa è paragonabile alla follia. Tu in quale tipo ti riconosci?