Frode fiscale, chiesto rinvio a giudizio per Corona


Frode fiscale e intestazione fittizia, chiesto il rinvio a giudizio per Fabrizio Corona

Frode fiscale e intestazione fittizia, chiesto il rinvio a giudizio per Fabrizio Corona.

Lʼudienza preliminare, fissata per il 14 dicembre dal gup Marchiondelli, vede imputata anche Francesca Persi, presunta prestanome di Corona tornato in carcere nello scorso ottobre mentre era in affidamento in prova ai servizi sociali. Più precisamente le accuse sono intestazione fittizia di beni, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e violazione delle norme patrimoniali relative alle misure di prevenzione e rientrano nell’inchiesta incentrata sui 2.6 milioni di euro in contanti trovati in un controsoffitto e in un conto in Austria. Il 23 novembre, interrogato dal pm Paolo Storari, Corona si è difeso spiegando che si tratta solo di “una questione fiscale”. Sarà il gup Laura Marchiondelli a decidere se mandare a processo lui e la sua collaboratrice che, invece, potrebbe anche scegliere di patteggiare.